Gravidanze e nascite in seguito a fecondazione in vitro

Quali sono le possibilità di riuscita della fecondazione in vitro (FIV)? Nei seguenti grafici è riportato il tasso di successo dei metodi FIV e la successiva incidenza di parti prematuri o gravidanze plurime.

Non tutti i trattamenti di FIV si concludono con una nascita: di conseguenza, per aumentare le speranze di riuscita spesso si trasferiscono nell’utero più embrioni. Così facendo, tuttavia, si aumentano le possibilità di gravidanze plurime, che rispetto alle gravidanze singole presentano rischi più elevati sia per il bambino che per la madre; basti pensare per esempio alla maggiore incidenza, in caso di gravidanze plurime, di parti cesarei e nascite premature.

Da qualche anno, a livello internazionale si sta imponendo sempre più la prassi di trasferire un solo embrione selezionato (il cosiddetto elective Single Embryo Transfer, eSET). I metodi più recenti permettono infatti di osservare e analizzare con maggiore precisione gli embrioni prodotti in vitro e di sceglierne uno solo, aumentando così il tasso di successo della gravidanza.

Esempio del 2007: l’86 per cento di tutti i cicli di trattamento iniziati nel 2007 si sono conclusi con un trasferimento di embrioni; il 23 per cento della totalità dei cicli di trattamento conclusisi con un trasferimento di embrioni hanno condotto a una gravidanza clinica; il 16 per cento di tutti di cicli di trattamento ha portato a una nascita (inclusi i nati morti).

Durante le prime settimane, la gravidanza è rilevabile solo a livello biochimico, ossia attraverso un test di gravidanza. Perché sia visibile attraverso l’ecografia si devono attendere 5 o 6 settimane: a partire da questo momento si può parlare di «gravidanza clinica».

A confronto: nel 2017 il tasso di parti plurimi era complessivamente dell’1.86 per cento; lo stesso anno, il tasso di parti plurimi in seguito al trattamento di FIV raggiungeva il 15.9 per cento (fonte: UST, BEVNAT).

Ulteriori informazioni

Verifica dell’efficacia della legge

L’UFSP verifica l’efficacia della legge sulla medicina della procreazione.

Lavori legislativi

L’Ufficio federale della sanità pubblica è responsabile dei lavori legislativi concernenti la medicina della procreazione.

Interventi parlamentari

Da quando è entrata in vigore la legge sulla medicina della procreazione nel 2001 sono stati depositati in merito più di 30 interventi parlamentari.

Pareri e perizie

Pareri e perizie su questioni legate alla legge sulla medicina della procreazione.


I grafici sono stati sviluppati da taglab Ltd.

Ultima modifica 16.09.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione biomedicina
Sezione sicurezza biologica, genetica umana e medicina della procreazione
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 51 54
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/zahlen-und-statistiken/zahlen-fakten-zu-fortpflanzungsmedizin/medizinische-praxis-im-bereich-fortpflanzung/schwangerschaft-geburt-in-vitro-fertilisation.html