Prassi medica nell’ambito della medicina della procreazione

Chi ricorre alla fecondazione in vitro (FIV) o all’inseminazione? Quali sono gli esami condotti sugli embrioni? Quante sono le nascite in seguito a trattamenti di FIV? Le cifre dalla prassi medica forniscono una panoramica in merito.

Se una coppia sposata desidera rimediare alla sterilità o vuole evitare di trasmettere ai discendenti una grave malattia ereditaria può accedere alla medicina della procreazione. Fondamentalmente, i procedimenti medici disponibili a tal fine sono due: l’inseminazione e la fecondazione in vitro (FIV) con successivo trasferimento di embrioni.

Nel caso dell’inseminazione, si introducono nell’utero gli spermatozoi, che possono provenire dal partner o da un donatore di sperma.

Nel caso della FIV, invece, l’unione tra un oocita e uno spermatozoo avviene al di fuori del corpo: l’embrione è infatti prodotto «in provetta» (in vitro) e introdotto nell’utero in un secondo momento.

Tipi di diagnostica

Prima di essere trasferito nell’utero, un embrione prodotto tramite FIV può essere sottoposto a un esame genetico attraverso la diagnosi preimpianto (DPI), che permette di individuare determinate anomalie (o mutazioni) genetiche (DPI in senso stretto). Per definire questo esame spesso si utilizza il termine inglese «Preimplantation Genetic Diagnosis» (PGD). Nell’embrione si possono inoltre ricercare anomalie cromosomiche che insorgono spontaneamente attraverso lo screening delle aneuploidie, meglio noto con il termine inglese «Preimplantation Genetic Screening» (PGS).

Il PGD è utilizzato nel caso in cui le coppie siano portatrici di una grave malattia ereditaria. Grazie a questo tipo di esami, i genitori possono scegliere un embrione non interessato dalla mutazione e farlo trasferire nell’utero. Il PGS è spesso scelto in particolare da quelle coppie che hanno alle spalle già diversi aborti o nati morti o che hanno già registrato vari insuccessi con la FIV. Lo screening è inteso infatti ad aumentare il tasso di successo del trattamento di FIV.

Un altro tipo diagnostica preimpianto consiste nella biopsia dei globuli polari: i globuli polari sono cellule che si formano durante la maturazione dell’oocita per degenerare poco tempo dopo. Effettuare una biopsia su queste cellule permette in sostanza di appurare se nell’oocita vi sia un’eventuale anomalia nel numero di cromosomi.

Rappresentazione dei risultati

I risultati del monitoraggio vengono presentati sotto forma di grafici. I grafici sono raggruppati in quattro sottosezioni, che possono essere consultate alle pagine corrispondenti:

Ulteriori informazioni

Verifica dell’efficacia della legge

L’UFSP verifica l’efficacia della legge sulla medicina della procreazione.

Lavori legislativi

L’Ufficio federale della sanità pubblica è responsabile dei lavori legislativi concernenti la medicina della procreazione.

Interventi parlamentari

Da quando è entrata in vigore la legge sulla medicina della procreazione nel 2001 sono stati depositati in merito più di 30 interventi parlamentari.

Pareri e perizie

Pareri e perizie su questioni legate alla legge sulla medicina della procreazione.

Ultima modifica 17.09.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione biomedicina
Sezione sicurezza biologica, genetica umana e medicina della procreazione
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 51 54
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/zahlen-und-statistiken/zahlen-fakten-zu-fortpflanzungsmedizin/medizinische-praxis-im-bereich-fortpflanzung.html