Progetti HTA

Di seguito sono elencati tutti i progetti HTA conclusi e attualmente in corso. Durante il progetto, in questa pagina vengono via via pubblicati il protocollo HTA e il rapporto HTA e i pareri dei portatori di interessi. I rapporti sono redatti in inglese ma sono in parte corredati da un riassunto in tedesco, francese e italiano all’inizio del documento.

News HTA

Siete interessati a ricevere aggiornamenti regolari sul programma federale HTA? Allora iscrivetevi alla nostra newsletter con questo link!

21.06.2024

TTFields per il trattamento del glioblastoma

In Svizzera, i campi elettrici per il trattamento dei tumori (TTFields) per il trattamento dei glioblastomi di nuova diagnosi sono rimunerati dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie a determinate condizioni. Per la valutazione dell’obbligo di rimunerazione è stato commissionato un HTA con l’obiettivo di esaminare l’efficacia, la sicurezza, l’efficienza dal punto di vista dei costi e le ripercussioni sul budget dei TTFields per il glioblastoma. Oltre che per il glioblastoma di nuova diagnosi, l’HTA prende in esame l’impiego dei TTFields.

28.05.2024

Analisi dell’espressione multigenica in caso di cancro al seno

Le analisi dell’espressione multigenica in caso di cancro al seno sono rimunerate dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie a determinate condizioni. Per poter valutare l’obbligo di rimunerazione delle analisi dell’espressione multigenica in caso di cancro al seno in fase iniziale, è stato commissionato un rapporto HTA, in cui si esaminano l’efficacia, la sicurezza, l’efficienza in termini di costi e l’impatto sul budget, nonché gli aspetti etici, giuridici e sociali.

08.03.2024

Betaistina o cinnarizina con o senza dimenidrinato per trattare la malattia/sindrome di Ménière nonché le vertigini vestibolari e/o il tinnito

In Svizzera, la betaistina e la cinnarizina sono rimunerate dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie per pazienti che manifestano sintomi quali vertigini, tinnito e perdita di udito causati da condizioni come la malattia di Ménière o disturbi simili. La cinnarizina associata al dimenidrinato è rimunerata per il trattamento sintomatico delle vertigini transitorie. L’efficacia clinica di questi medicamenti è incerta.

20.10.2023

Benzodiazepine per i disturbi d'ansia

Attualmente questo tema si trova in fase di sviluppo. Non appena saranno disponibili i rapporti relativi, saranno pubblicati qui.

20.10.2023

Termoablazione dei noduli tiroidei benigni

Attualmente questo tema si trova in fase di sviluppo. Non appena saranno disponibili i rapporti relativi, saranno pubblicati qui.

20.10.2023

Termoterapia superficiale/profonda in fisioterapia per i disturbi muscolo-scheletrici

Attualmente questo tema si trova in fase di sviluppo. Non appena saranno disponibili i rapporti relativi, saranno pubblicati qui.

20.10.2023

Terapie infiltrative con corticosteroidi per la tendinopatia o l’entesopatia cronica

Attualmente questo tema si trova in fase di sviluppo. Non appena saranno disponibili i rapporti relativi, saranno pubblicati qui.

20.10.2023

Termoplastica bronchiale per l’asma grave

Attualmente questo tema si trova in fase di sviluppo. Non appena saranno disponibili i rapporti relativi, saranno pubblicati qui.

20.10.2023

Estratti di valeriana per disturbi del sonno, stati ansiosi o irrequietudine

Attualmente questo tema si trova in fase di sviluppo. Non appena saranno disponibili i rapporti relativi, saranno pubblicati qui.

29.09.2023

Infiltrazioni intra-articolari con glucocorticoidi per l’osteoartrosi dell’anca o del ginocchio

I pazienti affetti da osteoartrosi dell’anca e del ginocchio possono essere trattati mediante infiltrazioni intra-articolari con glucocorticoidi, che in Svizzera sono rimunerate dall’assicurazione malattie obbligatoria. Tuttavia, l’efficacia di questo trattamento resta incerta. Con il presente rapporto di HTA si intende valutare la sicurezza, l’efficacia, i costi, l’efficienza in termini di costi e l’impatto sul budget delle infiltrazioni intra-articolari con glucocorticoidi.

22.09.2023

Prevenzione dell’emicrania cronica ed episodica con antagonisti del CGRP

Per prevenire l’emicrania cronica e quella episodica sono disponibili diverse opzioni terapeutiche. Oltre ai betabloccanti, ai calcio-antagonisti e agli antidepressivi, vengono impiegati anche degli anticorpi monoclonali, i cosiddetti antagonisti del CGRP. Il rapporto giunge alla conclusione che l’impiego degli antagonisti del CGRP ha ridotto il numero di giorni di emicrania e che per più persone essi si sono ridotti di oltre la metà, con conseguente miglioramento della qualità di vita. Il rapporto costi-benefici è risultato migliore per l’emicrania cronica. Una riduzione dei prezzi degli antagonisti del CGRP migliorerebbe nettamente il rapporto costi-benefici e ridurrebbe l’impatto sul budget.

15.08.2023

Miglioramento chirurgico dell’irrorazione sanguigna in persone con malattie cardiovascolari croniche rispetto alla terapia farmacologica

La terapia delle malattie cardiovascolari croniche prevede, oltre al trattamento farmacologico, anche interventi chirurgici volti a migliorare l’irrorazione sanguigna nel sistema cardiovascolare, tra cui per esempio le cosiddette operazioni di bypass o l’impianto di stent vascolari tubolari nei vasi ristretti. Il rapporto giunge alla conclusione che un’operazione di bypass apporta più benefici rispetto alla sola terapia farmacologica. Per l’impianto di stent vascolari tubolari il beneficio è meno chiaro ed è dimostrato solo sul breve termine.

28.07.2023

Durata del trattamento con Trastuzumab nel carcinoma mammario HER2 positivo in stadio precoce

In Svizzera i medicamenti Trastuzumab e Pertuzumab vengono impiegati per il trattamento del carcinoma mammario quando le cellule tumorali presentano un’iperespressione del recettore HER2. Il trattamento con Trastuzumab è omologato per un massimo di 12 mesi e può iniziare prima o dopo l’asportazione chirurgica delle cellule tumorali. Per valutare l’obbligo di rimunerazione è stato commissionato un rapporto HTA allo scopo di analizzare efficacia, sicurezza, efficienza dei costi e ripercussioni sul budget.

23.06.2023

Test dell’acido folico in caso di carenza sospetta di acido folico

Il presente rapporto HTA esamina la sicurezza, l’efficacia e le ripercussioni economiche dei test per l’acido folico eseguiti su persone asintomatiche, onché su persone i cui sintomi, problemi medici o fattori esterni sembrano indicare una carenza di cido folico. Il rapporto si occupa inoltre di questioni etiche, sociali e organizzative concernenti i test per l’acido folico.

16.06.2023

Terapie cellulari CAR-T

Le terapie cellulari CAR T tisagenlecleucel (Kymriah®) e axicabtagene ciloleucel (Yescarta®) figurano provvisoriamente nell’allegato 1 dell’ordinanza sulle prestazioni e sono rimborsate dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie svizzera per il trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL; Kymriah® e Yescarta®), della leucemia linfoblastica acuta a cellule B (ALL; Kymriah®) e del linfoma primario del mediastino a cellule B (PMBCL; Yescarta®). Per poter prendere decisioni riguardanti il loro rimborso futuro, sarà condotto un Health Technology Assessment (HTA) con l’obiettivo di valutare la sicurezza, l’efficacia, i costi, l’economicità e l’impatto sul bilancio del tisagenlecleucel e dell’axicabtagene ciloleucel, presi singolarmente, per queste indicazioni. Inoltre saranno esaminate questioni etiche, legali, sociali e organizzative associate a queste terapie.

07.06.2023

Anticoagulanti orali per la prevenzione di ictus ed embolia sistemica in persone con fibrillazione atriale non valvolare

Gli anticoagulanti orali sono impiegati in persone con fibrillazione atriale per la prevenzione di ictus. Nel quadro di un HTA sono stati messi a confronto anticoagulanti orali diretti (AOD) e antagonisti della vitamina K (AVK). Studi indicano che, per quanto riguarda la mortalità complessiva, gli AOD sono leggermente migliori degli AVK. In particolare sono stati osservati miglioramenti nella prevenzione di emorragie, mentre la differenza nell’insorgenza di ictus tra i gruppi di principi attivi si è dimostrata essere soltanto minima. Inoltre, sebbene siano più costosi, gli AOD hanno mostrato un rapporto costi/benefici positivo rispetto agli AVK.

11.11.2022

Esami della funzionalità tiroidea in caso di sospetta disfunzione tiroidea

In caso di sospetta disfunzione tiroidea, le misurazioni degli ormoni tiroidei possono fornire indicazioni rilevanti. A questo scopo esistono due procedure di esame: l’esame a una fase misura l’ormone tireostimolante (TSH) e altri ormoni tiroidei in un unico passaggio, mentre con la procedura a due fasi è necessario attendere il risultato della misurazione del TSH. Il rapporto giunge alla conclusione che, dal punto di vista clinico, il rischio di mancata diagnosi dei casi di disfunzione tiroidea utilizzando la procedura di esame a due fasi è minimo. Per quanto riguarda i costi, l’esame a due fasi si è rivelato più conveniente rispetto all’approccio a una fase. L’approccio con esami TSH reflex è risultato essere il più economico.

28.10.2022

Impiego dell’ormone levotiroxina in caso di ipotiroidismo lieve

Un valore elevato dell’ormone che stimola la tiroide, il cosiddetto ormone tireostimolante (TSH), indica la presenza di un ipotiroidismo lieve. A questo stadio i livelli ormonali della tiroide rientrano nei parametri normali e compaiono sintomi soltanto lievi. Per il trattamento dell’ipotiroidismo lieve si impiega in Svizzera una versione prodotta artificialmente dall’ormone tiroideo sintetizzato dall’organismo, la levotiroxina. Il rapporto è giunto alla conclusione che una terapia con levotiroxina è efficace per abbassare i valori dell’ormone TSH, ma non per ridurre disturbi o effetti collaterali.

21.10.2022

Medicamenti per la demenza dovuta all’Alzheimer e al Parkinson

Il presente rapporto HTA indaga l’efficacia di diversi medicamenti impiegati per il trattamento dei sintomi della demenza dovuta all’Alzheimer e al Parkinson. Le ricerche in letteratura hanno mostrato che, rispetto ai placebo, i medicamenti antidemenza hanno un certo effetto positivo, per esempio sulle capacità cognitive, in caso di demenza lieve, moderata e talora anche avanzata dovuta all’Alzheimer e al Parkinson. Dall’osservazione di un intervallo di tempo più lungo, il rapporto costi-benefici è risultato positivo per la maggioranza dei medicamenti antidemenza.

06.05.2022

Denosumab (Prolia®) per il trattamento dell'osteoporosi

Denosumab (Prolia®) è utilizzato per trattare l’osteoporosi (riduzione della sostanza ossea), in particolare nelle donne dopo la menopausa e nelle persone che presentano un maggiore rischio di fratture ossee o che ricevono determinate terapie contro il cancro. Nel 2017 vi sono state segnalazioni secondo cui un’interruzione della terapia con Denosumab potrebbe provocare una controreazione eccessiva, come una perdita di densità ossea e un rischio accresciuto di fratture a livello della colonna vertebrale. Il rapporto giunge alla conclusione che per la maggior parte dei gruppi di pazienti trattati i risultati ottenuti con Denosumab sono paragonabili a quelli di altre terapie, anche per quanto concerne la sicurezza.

06.05.2022

Confronto dell’impiego di medicamenti contro le metastasi ossee

I pazienti affetti da cancro con metastasi ossee ricevono medicamenti a cadenza mensile per ridurre il rischio di fratture ossee e di un eccesso di calcio nel sangue. Studi più recenti indicano che la somministrazione di questi medicamenti soltanto una volta ogni tre mesi invece di una volta al mese ha un’efficacia simile ma comporta un minor rischio di effetti collaterali. Paragonando l’impiego ogni tre mesi con quello mensile, le analisi degli studi hanno evidenziato, a fronte di un’efficacia simile, soltanto scarse differenze nei possibili effetti collaterali. Se i medici trattassero fin dall’inizio i nuovi pazienti ogni tre mesi, ne risulterebbero possibili risparmi per più di 53 milioni di franchi nei prossimi cinque anni.

09.02.2022

Medicamenti sedativi e sonniferi per il trattamento dei disturbi cronici del sonno

La classe dei medicamenti sedativi e sonniferi è impiegata, in caso di disturbi del sonno, per lenire tensioni persistenti e stati d’ansia. Secondo le informazioni professionali non dovrebbero essere prescritti per più di quattro settimane. Secondo il rapporto ci sono indicazioni secondo cui i medicamenti hanno una certa efficacia e sono sicuri anche se assunti sul lungo termine, pur non essendo necessariamente finanziariamente efficienti. L’impiego di medicamenti sedativi e sonniferi provoca dipendenza e si assiste all’aumento del dosaggio.

02.11.2021

Test per la vitamina B12

Negli ultimi anni è stato registrato in Svizzera un forte aumento dei test per la vitamina B12. L’obiettivo del rapporto era esaminare i benefici e gli svantaggi dei differenti test per la vitamina B12 e verificare se un test prima dell’inizio di una somministrazione di vitamina B12 sia davvero necessario. Il rapporto giunge alla conclusione che le conoscenze attuali non permettono di stabilire quando si debba impiegare quale test per la vitamina B12 (o quale combinazione di test) e nemmeno se i test abbiano un effetto sul trattamento.

16.09.2021

Supplemento di magnesio

Attualmente questo tema si trova in fase di sviluppo. Non appena saranno disponibili i rapporti relativi, saranno pubblicati qui.

01.09.2021

Inibitori delle CDK4/6 nel cancro al seno in stadio avanzato

Gli inibitori delle CDK4/6 sono medicamenti relativamente nuovi che vengono spesso utilizzati in aggiunta al trattamento standard, a base di una terapia anti-ormonale, del cancro al seno metastatico in stadio avanzato. Nuovi studi indicano che non tutti gli inibitori delle CDK4/6 contribuiscono in ugual misura a prolungare la sopravvivenza delle pazienti e a migliorarne la qualità della vita. Inoltre, gli studi riportano forti effetti collaterali. Il rapporto giunge alla conclusione che le terapie combinate basate su un inibitore delle CDK4/6 e la terapia standard sono in grado di migliorare l’efficacia, ma al costo di una maggiore necessità di assistenza e di più effetti collaterali. Sono in corso ulteriori studi per avere un quadro più preciso in futuro.

Esempi di parole da cercare:
osteoartrosi o osteo* o *artrosi 

Ultima modifica 03.05.2024

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione prestazioni assicurazione malattia
Sezione Health Technology Assessment
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 469 17 33
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/versicherungen/krankenversicherung/krankenversicherung-leistungen-tarife/hta/hta-projekte.html