Meningoencefalite primaverile-estiva (FSME) / Meningoencefalite da zecche (TBE)

La FSME/TBE è una malattia virale che si trasmette con il morso di zecche infette. La vaccinazione è raccomandata ad adulti e bambini dai 6 anni in su che risiedono o si recano in zone endemiche, accanto ad altre misure protettive come coprirsi e usare repellenti.

Agente patogeno e trasmissione

La meningoencefalite primaverile-estiva, o meningoencefalite da zecche, è una malattia infettiva causata dal virus FSME/TBE che si trasmette con il morso di zecche infette (Ixodes ricinus, zecca dei boschi).
Le zecche, il cui habitat ideale è costituito da boschi di latifoglie con un ricco sottobosco, sono diffuse in tutta la Svizzera fino a un’altitudine di circa 2000 metri. Le zecche si nutrono di sangue animale e umano e con il loro morso possono trasmettere diversi agenti patogeni: la meningoencefalite, la borreliosi (o malattia di Lyme) e infezioni più rare come l’Erlichiosi e la Rickettsiosi. La prima è causata da un virus, le altre tre da batteri. Alle famiglie delle Erlichie e Rickettsie appartengono diversi gruppi di batteri associati a vari quadri clinici.

Quadro clinico

Da 7 a 14 giorni dopo il morso di una zecca infetta può manifestarsi una prima fase con sintomi simil-influenzali. Tuttavia, nella maggior parte delle persone non si ha un decorso clinico. Nel 5-15 per cento dei casi, dopo un intervallo senza disturbi l’infezione può attaccare il sistema nervoso centrale, provocando sintomi come cefalee, fotofobia, vertigini e disturbi della concentrazione e della deambulazione, che possono persistere per settimane o mesi. In una percentuale di pazienti l’infezione può causare paralisi delle braccia, delle gambe o dei nervi facciali con danni permanenti. Nell’1 per cento circa dei casi con sintomi neurologici la malattia causa il decesso. La malattia non è curabile, si possono solo trattare i sintomi.

Diffusione e frequenza

La meningoencefalite primaverile-estiva, o meningoencefalite da zecche, è molto diffusa in Russia e in Estremo Oriente. I casi conclamati sono in aumento anche in Europa. In Svizzera si è passati da una media di 100 (nel periodo 2000-2005) a una media di 100-250 casi l’anno (dal 2005).
Le zecche sono presenti in tutto il mondo, ma quelle infette dal virus della meningoencefalite vivono solo in determinate zone, i cosiddetti focolai naturali (zone endemiche). In Svizzera la loro presenza è accertata in quasi tutti i Cantoni dell’Altopiano svizzero. Nelle zone endemiche l’1 per cento circa (i dati oscillano tra lo 0,5 e il 3%) delle zecche è portatore del virus. Finora non sono state individuate zone infestate da zecche portatrici del virus FSME/TBE ad altitudini superiori a circa 1000 metri.

Prevenzione

L’unico modo per proteggersi dal virus FSME/TBE è vaccinarsi: oggi esistono vaccini sicuri e molto efficaci. La vaccinazione è consigliata a tutte le persone (adulti e bambini dai 6 anni in su) che risiedono o soggiornano temporaneamente in zone con focolai naturali (zone endemiche, cfr. dati al riguardo). Si raccomanda inoltre di adottare le seguenti misure protettive: indossare indumenti che coprano tutto il corpo ed evitare di sdraiarsi o sedersi direttamente per terra. Esistono inoltre efficaci prodotti protettivi per la pelle e insetticidi da spruzzare sugli indumenti.

Dato che è difficile accorgersi del morso di una zecca, al rientro dal bosco è bene ispezionare accuratamente vestiti e corpo. Si consiglia di indossare indumenti chiari (è più facile individuarle) e controllare anche gli animali domestici (cani, gatti, cavalli). Se s’individua una zecca, rimuoverla immediatamente se possibile afferrandola con una pinzetta a livello cutaneo ed estraendola con un movimento lento e deciso. Dopo averla rimossa, disinfettare la parte interessata. In caso di febbre o altri sintomi, consultare un medico.

Documenti



Factsheet FSME

Meningoencefalite da zecche

Factsheet Meningoencefalite da zecche, preparato dalla Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) in collaborazione con l’Ufficio federale della sanità pubblica.

Cifre sulla meningoencefalite da zecche

Dettaglio dei dati sulla FSME

Evoluzione del numero di casi settimanali secondo il sistema di dichiarazione obbligatoria stabilito su dichiarazioni dei medici.

Numero di casi settimanali

Base: sistema di dichiarazione obbligatoria

Ulteriori informazioni

Calendario vaccinale svizzero

Il calendario vaccinale svizzero contiene informazioni sulle vaccinazioni raccomandate in Svizzera. Il suo scopo è raggiungere una protezione vaccinale ottimale a livello individuale e dell’intera popolazione.

Borreliosi

Borreliosi o malattia di Lyme – l'essenziale in breve

Malattie trasmesse dalle zecche

In Svizzera le malattie infettive significative trasmesse dalle zecche sono soprattutto la borreliosi e la meningoencefalite primaverile-estiva. Tuttavia possono anche essere diagnosticate altre malattie.

Ultima modifica 08.08.2017

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Malattie trasmissibili
CH - 3003 Berna

Tel.
+41 58 463 87 06

E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/themen/mensch-gesundheit/uebertragbare-krankheiten/infektionskrankheiten-a-z/fsme.html