Missione IPPAS

Nel novembre 2023, la Svizzera ha ospitato la missione di revisione IPPAS dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA). Nove esperti internazionali hanno valutato la base legale per la sicurezza del materiale radioattivo e la sua attuazione pratica.

Symbol für Prävention: Radioaktive Quelle in einem Tresor

La missione si è svolta in stretta collaborazione tra l'IFSN, l'UFE e l'UFSP, poiché è stata affrontata anche la questione della sicurezza degli impianti nucleari. Per l'UFSP, la missione ha rappresentato anche una pietra miliare nel piano d'azione Radiss 2020-2025, uno dei cui obiettivi è migliorare la protezione del materiale radioattivo ad alta attività contro furti e sabotaggi.

Il 20 maggio 2024, il Direttore generale dell'AIEA Rafael Mariano Grossi ha presentato il rapporto ufficiale alla Svizzera.

Risultati della missione

Gli esperti si sono fatti spiegare dalle autorità responsabili il sistema di sicurezza radiologica, ossia il quadro giuridico. Lo hanno confrontato con i regolamenti internazionali, le linee guida e i requisiti dell'AIEA. Hanno inoltre esaminato le modalità di attuazione dei requisiti in alcuni impianti. La missione, della durata complessiva di 12 giorni, ha fatto seguito a quella del 2018, in cui erano state esaminate le misure di sicurezza degli impianti nucleari, motivo per cui l'UFSP non era direttamente coinvolto. A differenza del 2018, l'UFSP è stato coinvolto direttamente nella missione di follow-up in qualità di autorità di autorizzazione e supervisione dei materiali radioattivi, una novità assoluta per l'UFSP.

Sebbene la Svizzera abbia iniziato a mettere in sicurezza il materiale radioattivo ad alta attività solo nel 2018, gli esperti hanno individuato un gran numero di buone pratiche. In particolare, è stato lodato l'approccio olistico del piano d'azione Radiss, con i suoi tre campi d'azione: prevenzione, rilevamento e intervento. Il piano d'azione ha contribuito con successo a ridurre significativamente il numero di sorgenti radioattive pericolose ad alta attività in Svizzera, portando a una riduzione duratura del rischio.

L'UFSP ha elaborato delle linee guida per la messa in sicurezza delle sorgenti rimanenti, che sono state riconosciute come istruzioni chiare ed efficaci per i titolari delle licenze. A livello normativo, Radiss ha portato a una maggiore cooperazione tra le autorità federali di tutti e sette i dipartimenti. Anche l'introduzione di RPS (Radiation Portal Switzerland) come moderno database online per tutte le sorgenti radioattive è stata sottolineata positivamente nel rapporto, in quanto migliora lo scambio tra le autorità, la polizia cantonale e i titolari delle licenze e aumenta il controllo sul materiale radioattivo durante tutto il suo utilizzo fino allo smaltimento in Svizzera.

Raccomandazioni e passi successivi

Oltre alle buone pratiche, sono state formulate anche raccomandazioni per il miglioramento. Per mantenere i buoni risultati del piano d'azione a lungo termine, è stato raccomandato di rivedere e migliorare, ove necessario, la base giuridica relativa alla “sicurezza” e alla “protezione” dei materiali radioattivi. Ciò richiede la continuazione della strategia del piano d'azione e la promozione e il sostegno della cosiddetta “cultura della sicurezza”, sia nelle autorità che nelle aziende.

Per instaurare questa cultura della sicurezza a tutti i livelli, è necessario promuovere la consapevolezza della situazione di minaccia. Lo Stato dovrebbe quindi analizzare regolarmente la situazione della minaccia e, se necessario, adattare le misure di sicurezza, anche in collaborazione con i Servizi segreti federali. La Svizzera dovrebbe inoltre portare avanti la finalizzazione del piano di emergenza nazionale, che tiene conto degli incidenti derivanti da atti dolosi che coinvolgono materiale radioattivo, come l'irradiazione deliberata con materiale radioattivo ad alta attività o una bomba sporca.

Questi risultati saranno inclusi nel rapporto intermedio al Consiglio federale e quindi nella seconda parte del piano d'azione Radiss.

Ultima modifica 22.05.2024

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione radioprotezione
Sezione Impianti di ricerca e medicina nucleare
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 462 96 14
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/strategie-und-politik/politische-auftraege-und-aktionsplaene/aktionsplan-radiss/ippas.html