Strategia contro le resistenze agli antibiotici nell’essere umano

Qui sono spiegati in breve: importanza degli antibiotici come medicamenti salvavita, situazione delle resistenze agli antibiotici e ragioni che ne hanno causato l’aumento nel mondo, nonché priorità e attuazione della Strategia resistenze agli antibiotici.  

 

Importanza degli antibiotici

Con la scoperta e l’utilizzo degli antibiotici negli anni ’40 è stato possibile curare molte malattie batteriche che fino ad allora pregiudicavano fortemente la vita dell’uomo ed erano spesso letali. Ancora a metà del 20° secolo lo scoppio di epidemie (v. scheda «Ulteriori informazioni» sotto) ha provocato numerose vittime. Polmoniti, meningiti, tubercolosi, ma anche una banale infezione ai denti potevano rivelarsi fatali. Nella medicina moderna gli antibiotici non solo sono utilizzati per curare infezioni gravi, ma hanno un importante ruolo anche nella prevenzione delle infezioni, per esempio in caso di operazioni chirurgiche, durante la chemioterapia per la cura dei tumori o in caso di immunodepressione).

La problematica delle resistenze agli antibiotici nell’essere umano

Nel mondo si registra la tendenza a una diminuzione dell’efficacia di tutti gli antibiotici. Le infezioni provocate da enterobatteriacee produttrici di beta-lattamasi ad ampio spettro o di carbapenemasi e da enterococchi vancomicina-resistenti sono sempre più difficili da curare. In termini medici ciò si traduce in una diminuzione dell’efficacia delle terapie esistenti, con un aumento dei tassi di morbilità e mortalità.

Motivi dell’aumento delle resistenze agli antibiotici

Benché lo sviluppo di resistenze sia un fenomeno biologico naturale (parte delle forme di resistenza attualmente note esistono nel nostro ambiente già da almeno 30 000 anni), la velocità di sviluppo e di diffusione delle resistenze è aumentata. Oggigiorno, i microorganismi sviluppano sempre più resistenze non solo a una singola classe di antibiotici, ma anche a più classi (la cosiddetta multiresistenza). Il fattore principale che contribuisce a tale fenomeno è l’utilizzo frequente e inappropriato di questi medicamenti. Inoltre, la globalizzazione porta a una progressiva diffusione delle resistenze in tutto il mondo, un problema la cui urgenza è stata riconosciuta dagli ambienti politici a livello internazionale.

Strategia svizzera per la lotta alle resistenze agli antibiotici nell’essere umano

A tre anni dall’adozione da parte del Consiglio federale della Strategia nazionale contro le resistenze agli antibiotici, volta a preservare a lungo termine l’efficacia degli antibiotici per la salute dell’essere umano e degli animali, oltre due terzi delle misure previste sono state avviate. La sua attuazione persegue un approccio One Health e coinvolgerà numerosi attori e portatori di interesse. A pagina 22 della Strategia è disponibile una panoramica di tutte le misure adottate nell’ambito umano (v. scheda «Documenti» sotto).

Priorità in ambito umano

Per l’attuazione in ambito umano sono stati costituiti un gruppo di lavoro principale e uno di esperti, che consigliano l’UFSP sui temi strategici e tecnici. Tra le priorità figurano il miglioramento del sistema di sorveglianza ad ampio raggio (in partenariato con anresis.ch) e lo sviluppo delle attività del nuovo laboratorio di riferimento per le forme di resistenza emergenti. Per il settore ambulatoriale sono state elaborate direttive sulla prescrizione degli antibiotici e in ambito ospedaliero è in corso di elaborazione un programma di stewardship (impiego razionale degli antibiotici). Inoltre, sono state effettuate diverse valutazioni per determinare le esigenze in materia di informazione alla popolazione.  

Documenti


Strategie Antibiotikaresistenzen Schweiz

Strategia svizzera contro le resistenze agli antibiotici (StAR) (disponibile solo in tedesco, francese e inglese)

Il documento della strategia stabilisce obiettivi dettagliati e misure per la lotta alla resistenza agli antibiotici e la sua sorveglianza e prevenzione in Svizzera nei settori della medicina umana, della medicina veterinaria, dell’agricoltura e dell’ambiente.

Titelbild Broschüre Strategie Antibiotikaresistenzen Schweiz

Opuscolo sulla Strategia svizzera contro le resistenze agli antibiotici

L’opuscolo sulla Strategia StaR informa in modo sintetico sugli obiettivi e le aree di intervento della Strategia svizzera contro le resistenze agli antibiotici, che prevede una procedura comune nei settori della medicina umana, della medicina veterinaria, dell’agricoltura e dell’ambiente.

Legislazione

Legislazione sulle malattie trasmissibili – Legge sulle epidemie (LEp)

La nuova legge federale del 3 dicembre 2010 sulla lotta contro le ma-lattie trasmissibili dell’essere umano (legge sulle epidemie; LEp) per-segue diversi obiettivi. La legge e le relative ordinanze sono entrate in vigore il 1° gennaio 2016.

Ulteriori informazioni

Enterobatteri produttori di carbapenemasi (CPE)

Gli enterobatteri produttori di carbapenemasi (CPE) rientrano tra i batteri sorvegliati perché il loro sviluppo di resistenza agli antibiotici costituisce una minaccia reale o potenziale per la salute pubblica.

Antibiotico-resistenza

Qui potrete trovare informazioni essenziali sugli antibiotici e sulla resistenza agli antibiotici.

Strategia nazionale di vaccinazione (SNV)

La Confederazione, con l’appoggio dei Cantoni e di altri attori, ha elaborato una Strategia nazionale di vaccinazione (SNV), che mira a garantire alla popolazione una protezione sufficiente contro le malattie vaccinabili.

Epidemie e Pandemie passate

Nella presente rubrica trovate informazioni utili sulle epidemie e pandemie passate.

Ultima modifica 14.05.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Malattie trasmissibili
Sezione Strategie, pricipi e programmi
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 87 06
E-mail

Infoline resistenze agli antibiotici
Tel. +41 58 467 64 31

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/strategie-und-politik/nationale-gesundheitsstrategien/strategie-antibiotikaresistenzen-schweiz.html