Quadro «Migrazione e fattori di vulnerabilità» (quadro MV)

La precarietà, l’esercizio di un’attività di sesso a pagamento o l’appartenenza a una comunità di un paese con un’elevata prevalenza di HIV sono esempi di vulnerabilità che, se accumulate, indeboliscono le capacità di autonomia e di autodeterminazione in materia di prevenzione dell’HIV e delle IST. 

Un quadro nazionale per la pianificazione di azioni di prevenzione dell’HIV e delle IST:

La Svizzera conta una popolazione di persone in situazione di migrazione variata. La maggioranza delle persone migranti non ha specificità particolari, ma una parte di esse presenta un certo numero di vulnerabilità che, se accumulate, ne indeboliscono la capacità di autonomia (empowerment) e aumentano i rischi di esposizione all’HIV e alle altre infezioni sessualmente trasmissibili.

Di fronte a questa situazione, l’UFSP ha sviluppato un quadro nazionale (quadro MV), insieme ad Aiuto Aids Svizzero, Salute Sessuale Svizzera, la Croce Rossa Svizzera, Agnodice e Aspasie, allo scopo di coordinare il lavoro di prevenzione dell’HIV e delle IST fra la popolazione particolarmente vulnerabile.

Il quadro MV identifica le persone in situazione di migrazione che fanno parte dell’asse 1 del Programma nazionale HIV e altre infezioni sessualmente trasmissibili, e quelle le cui vulnerabilità le collegano all’asse 2. Le persone migranti dell’asse 1 sono il pubblico destinatario della campagna LOVE LIFE. Alle persone migranti vulnerabili sono rivolte le azioni di prevenzione contro l’HIV e le altre IST specifiche che si basano sugli obiettivi del PNHI e del quadro MV.

I fattori di vulnerabilità

Il quadro MV distingue due categorie di fattori di vulnerabilità:

  • I fattori di vulnerabilità primaria
  • I fattori di vulnerabilità rafforzata

Le vulnerabilità primarie includono i fattori di esposizione diretta all’HIV e alle IST, come l’esercizio di un’attività di sesso a pagamento, la provenienza da un paese a elevata prevalenza di HIV, gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini, le persone transgender, ecc. Le vulnerabilità rafforzate raggruppano invece i fattori psicosociali che accentuano una vulnerabilità primaria e/o indeboliscono le capacità di autonomia e di autodeterminazione delle persone migranti, quali l’assenza di un’assicurazione malattia, la precarietà sociale ed economica, l’isolamento sociale ed emotivo, le difficoltà linguistiche, ecc.

Un quadro suddiviso in tre campi d’azione

Il quadro MV fissa degli obiettivi ed è suddiviso in tre campi d’azione:

  • Diritti umani, partecipazione, accesso al sistema sanitario, autonomizzazione delle persone interessate.
  • Accesso all’informazione, al materiale di prevenzione, alla contraccezione e alla vaccinazione.
  • Depistaggio, diagnosi, terapie e informazione volontaria dei partner.

Gli strumenti di lavoro attualmente a disposizione

Oggi L’UFSP dispone di strumenti di lavoro aggiornati per definire, in collaborazione con i suoi partner, una strategia di prevenzione dell’HIV e delle IST fra le persone migranti particolarmente vulnerabili. Questi strumenti sono:

  • Il quadro MV
  • Il rapporto di analisi dell’indagine ANSWER
  • Il rapporto d’analisi dell’indagine SWAN
  • La valutazione del progetto APiS
  • La valutazione del progetto Afrimedia

Documenti


Migration facteurs vulnérabilité 2016+

Migration facteurs vulnérabilité 2016+

Cadre pour la planification d’actions en prévention du VIH et autres IST – Migration et facteurs de vulnérabilité 2016+. S’appuyant sur la collaboration partenariale de la Confédération avec les principales organisations non gouvernementales nationales, il pose les lignes directrices du futur travail VIH/ IST à l’intention des personnes migrantes.

Ulteriori informazioni

Centri di consulenza e test

Fate il test del rischio e trovate il centro di consulenza e di depistaggio adeguato.

Legislazione sulle malattie trasmissibili – Legge sulle epidemie (LEp)

La nuova legge federale del 3 dicembre 2010 sulla lotta contro le ma-lattie trasmissibili dell’essere umano (legge sulle epidemie; LEp) per-segue diversi obiettivi. La legge e le relative ordinanze sono entrate in vigore il 1° gennaio 2016.

Ultima modifica 17.09.2018

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Malattie trasmissibili
Sezione prevenzione e promozione
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 87 06
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/strategie-und-politik/nationale-gesundheitsstrategien/nationales-programm-hiv-und-andere-sexuell-uebertragbare-infektionen/zielgruppe-mit-erhoehtem-expositionsrisiko-achse2/rahmenkonzept-migration-und-vulnerabilitaetsfaktoren.html