Donazione di organi: modello del consenso o modello del consenso presunto?

In Svizzera il prelievo di organi, tessuti o cellule da una persona deceduta è consentito soltanto se ne è stato dato il consenso (modello del consenso). In molti altri Paesi vige il modello del consenso presunto, secondo cui il silenzio vale come assenso. 

La legge sui trapianti disciplina le condizioni alle quali è consentito prelevare organi, tessuti o cellule da una persona deceduta. In virtù di questa legge, in Svizzera vige il modello del consenso in senso lato (legge sui trapianti, art. 8).

Iniziativa popolare e controprogetto indiretto

Il 22 marzo 2019 è stata presentata un’iniziativa popolare che chiede di introdurre in Svizzera il modello del consenso presunto. In linea di principio il Consiglio federale sostiene la richiesta, ma propone una modifica della legge per poter tutelare al contempo i diritti dei familiari, che dovranno continuare ad avere la possibilità di farsi latori della volontà del defunto. Pertanto, nella sua seduta del 14 giugno 2019, ha incaricato il Dipartimento federale dell’interno di elaborare un controprogetto indiretto all’iniziativa che sancisca il modello del consenso presunto in senso lato nella legge sui trapianti. 

Modelli di consenso

Il modello del consenso – autorizzazione attiva del donatore o dei suoi congiunti

Secondo il modello del consenso è possibile prelevare organi, tessuti o cellule da una persona deceduta solo se è stata data l’autorizzazione esplicita al prelievo.

  • Secondo il modello del consenso in senso stretto, il prelievo di organi, tessuti o cellule è ammesso solo se la persona deceduta vi aveva acconsentito quando era ancora in vita. L’assenza di un consenso viene sempre interpretata come un rifiuto. Pertanto, senza consenso del donatore il prelievo non è ammesso.
  • Secondo il modello del consenso in senso lato, l’assenza di una dichiarazione di volontà della persona deceduta non è considerata né come un rifiuto né come un consenso, bensì come una non dichiarazione. In questo caso il consenso va chiesto ai congiunti stretti e il prelievo è consentito solo se questi ultimi lo autorizzano. In ogni caso, la volontà della persona deceduta prevale sempre su quella dei congiunti.

Il modello del consenso presunto – solo un’opposizione esplicita impedisce il prelievo

Nel modello del consenso presunto (denominato anche modello dell’opposizione o modello del silenzio-assenso) il silenzio vale come assenso. Si distinguono due varianti.

  • Secondo il modello del consenso presunto in senso stretto è possibile prelevare organi, tessuti o cellule da persone decedute se queste ultime non si sono espresse contro un intervento del genere quando erano in vita. La caratteristica essenziale di questo modello consiste quindi nel fatto che l’assenza di opposizione viene interpretata come un consenso al prelievo.
  • Si parla di modello del consenso presunto in senso lato, quando anche ai congiunti stretti è concesso il diritto di opposizione.

Ultima modifica 13.06.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione biomedicina
Sezione trapianti
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 51 54
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/medizin-und-forschung/transplantationsmedizin/willensaeusserung-zur-spende-von-organen-geweben-zellen/zustimmungsmodelle-in-der-transplantationsmedizin.html