Zika (virus)

zika

Dal maggio 2015 il virus Zika si è propagato in tutto il mondo. L’infezione da virus Zika, benigna nella maggior parte dei casi, causa a volte complicazioni neurologiche gravi quali la microcefalia nei neonati o la sindrome di Guillain-Barré negli adulti.

Agente patogeno e trasmissione

Il virus Zika si trasmette principalmente attraverso la puntura di una zanzara infetta di genere Aedes (soprattutto l’Aedes aegypti, ma ne è responsabile anche l’Aedes albopictus). Il virus si trasmette anche sessualmente come anche da una donna incinta al feto. Nonostante il virus Zika sia stato rinvenuto nel latte materno e nella saliva, fino ad oggi non esistono prove che sia trasmesso attraverso i fluidi corporei. La trasmissione durante una trasfusione del sangue è possibile.

Quadro clinico

Nel 60-80 per cento dei casi l’infezione è asintomatica. Nel restante 20-40 per cento possono manifestarsi numerosi sintomi clinici diversi che normalmente spariscono da soli nello spazio di 4-7 giorni. Si verificano raramente complicazioni neurologiche. Inoltre, l'infezione con il virus Zika durante la gravidanza può causare gravi conseguenze neurologiche nel feto.
Dato che per combatterla non esistono medicamenti specifici, il trattamento di questa malattia avviene esclusivamente a livello sintomatico.

Diffusione e incidenza

Fino al 2014 la malattia era presente in maniera sporadica in una Ventina di Paesi e isole dell’Asia, dell’Oceania e dell’Africa. Dopo un’epidemia 2015-2016, scoppiata in Brasile nel maggio del 2015, 60 Paesi e territori dell’America del Sud, dell’America centrale, dei Caraibi, del Pacifico, dell’Asia (Malesia, Filippine, Singapore, Tailandia ecc.) e dell’Africa (Capo Verde e Guinea Bissau) sono colpiti. Dopo l’indebolimento dell’epidemia dell’America del Sud e dell’America centrale, i numeri dei casi tra i viaggiatori svizzeri sono a loro volta diminuiti.
Finora in Europa non sono stati osservati casi di zika dovuti a trasmissione vettoriale locale. In linea di principio, tuttavia, esiste un rischio di trasmissione del virus Zika anche in Europa, poiché le zanzare tigre introdotte, Aedes albopictus, si sono diffuse in Europa e anche in Svizzera.

Prevenzione

Finora non sono stati sviluppati vaccini o trattamenti contro questa infezione e il trattamento avviene a livello sintomatico. La principale misura per proteggersi da un’infezione da virus Zika durante i viaggi nei Paesi colpiti consiste nel proteggersi contro le punture delle zanzare indossando vestiti larghi e maniche lunghe impregnati di insetticidi, utilizzando un buon repellente giorno e notte e dormendo protetti da una zanzariera (soprattutto nei locali senza aria condizionata).
Le donne incinte, le persone affette da disfunzioni del sistema immunitario o da altre malattie croniche, come pure i viaggiatori con bambini piccoli, dovrebbero consultare un medico per informarsi su tutti i pericoli per la salute legati alle malattie tropicali.

Diagnostica

Come menzionato nella modifica dell'ordinanza del 5 marzo 2016, i cam-pioni prelevati da donne incinte vanno inviati a un centro di riferimento, ossia il Centro nazionale di riferimento per le infezioni virali emergenti (CRIVE) di Ginevra, per essere analizzati.

Fatti & cifre "Zika"

Datendetails zu Zika

Entwicklung der wöchentlichen Fallzahlen auf der Basis des obligatorischen Meldesystems, welches aufgrund von Meldungen der Ärzte erstellt wird.

Wöchentliche Fallzahlen

Basis: obligatorisches Meldesystem

Ultima modifica 29.08.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Malattie trasmissibili
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 87 06
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/krankheiten/krankheiten-im-ueberblick/zika.html