Sifilide

Syphilis

La sifilide è un'infezione sessualmente trasmissibile con possibile decorso cronico, causata dal batterio Treponema pallidum. L'infezione si trasmette negli stadi primario, secondario e latente precoce (della durata di meno di un anno) tramite il contatto diretto con le lesioni di pelle o mucose. 

Agente patogeno e trasmissione

La sifilide è un'infezione sessualmente trasmissibile con possibile decorso cronico, causata dal batterio Treponema pallidum. L'infezione si trasmette negli stadi primario, secondario e latente precoce (della durata di meno di un anno) tramite il contatto diretto con le lesioni di pelle o mucose, che può verificarsiprincipalmente nella regione genitale e anale ma anche nella cavità orale. La trasmissione può avvenire dalla madre al figlio durante la gravidanza e il parto (sifilide congenita).

Quadro clinico

Se non è trattata, la sifilide può evolversi in quattro stadi.

Sifilide primaria: i primi sintomi possono manifestarsi tra i  5 ei 21 giorni (e fino a tre mesi) dopo l'infezione sotto forma di ulcerazione delle mucose (conosciuta anche con il nome di ulcera venerea), indurita e indolore, nel punto d'ingresso del batterio nell'organismo (pene, ano, vagina, gola o altre parti del corpo) e rigonfiamento dei linfonodi. I sintomi del primo stadio possono rimanere nascosti e di solito tendono a scomparire dopo 4-6 settimane anche senza un trattamento. Tuttavia, l'infezione e la contagiosità
rimangono.

Sifilide secondaria: insorge a distanza di 3 fino a 10 settimane dalla manifestazione dell'ulcera venerea ed è caratterizzata da un'eruzione cutanea (alla pianta del piede, sul palmo della mano o altrove) generalmente non pruriginosa che può avere un aspetto molto variabile. Altri sintomi possono essere la perdita dei capelli, l'infiammazione dei ganglioni o la febbre. Anch'essa scompare da sé, senza trattamento.

Sifilide latente: segue una fase asintomatica che può durare mesi o anni (generalmente scoperta grazie a un esame sierologico di routine) nei quali la malattia progredisce danneggiando soprattutto il sistema nervoso. Il periodo di latenza viene suddiviso in uno stadio precoce (< 1 anno) e in uno tardivo (> 1 anno). Nello stadio latente precoce possono sporadicamente comparire lesioni della pelle e delle mucose, quindi le persone sono potenzialmente ancora contagiose.

Sifilide terziaria: compare anni dopo l'inizio dell'infezione (da 3 a 20) e può manifestarsi con danni permanenti a cuore, cervello, ossa, pelle e altri organi. Nella neurosifilide si assiste a una degenerazione progressiva del tessuto nervoso del cervello e del midollo spinale, che a livello cerebrale può provocare alterazioni della personalità fino alla demenza. Grazie alla terapia antibiotica questo stadio è divenuto raro. Una nuova classificazione della malattia ha permesso di distinguere tra sifilide precoce (primaria, secondaria e latente precoce; compare a meno di un anno dall'infezione) e sifilide tardiva (latente tardiva e terziaria; compare dopo un anno dall'infezione).

Sifilide congenita: una sifilide congenita può provocare nel bambino malformazioni e altri problemi gravi, come infiammazioni o cecità e può avere un decorso letale.

Diffusione e frequenza

A livello mondiale, il numero di casi di sifilide è di nuovo in aumento, segnatamente nei Paesi a reddito elevato come la Svizzera. Corrono un rischio maggiore d'infettarsi soprattutto gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini, le persone che alternano più partner sessuali e quelle attive nel settore della prostituzione. Dal 2016, in Svizzera 733 persone contraggono la sifilide, di cui più dell'89 per cento è di sesso maschile.

Prevenzione

L’uso del preservativo e altre misure diminuiscono il rischio di contrarre una sifilide. Occorre pertanto rispettare le seguenti regole:

1. Sesso vaginale e anale con il preservativo
2. E perché ognuno/-a lo ama a modo suo: eseguire il safer sex check personale su lovelife.ch

Nonostante ciò, si può comunque verificare un’infezione che è importante riconoscere in modo precoce. Se la diagnosi è positiva, tutti i partner sessuali devono essere esaminati e, se necessario, sottoposti al trattamento appropriato.

Si raccomanda a chi cambia spesso partner sessuale o ne ha contemporaneamente più di uno di consultarsi con il proprio medico o un altro specialista sull’HIV e su altre infezioni sessualmente trasmissibili e valutare la necessità di fare dei test.

Cifre sulle sifilide

Dettaglio dei dati sulle sifilide

Evoluzione del numero di casi settimanali secondo il sistema di dichiarazione obbligatoria stabilito su dichiarazioni dei medici.

Numero di casi settimanali

Base: sistema di dichiarazione obbligatoria

Ulteriori informazioni

Infezioni sessualmente trasmissibili

Ottenete qui le informazioni importanti sul tema dell'HIV/Aids e delle altre infezioni sessualmente trasmissibili. Come si trasmettono? Come ci si può proteggere da un’infezione? Dove rivolgersi per consulenza e per eseguire il test?

Programma nazionale HIV e altre infezioni sessualmente trasmissibili (PNHI)

Il PNHI mira a ridurre il numero di nuove infezioni da HIV e altre IST e a evitare danni ulteriori alla salute. Trovate informazioni relative al programma su questa pagina.

Ultima modifica 13.02.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Malattie trasmissibili
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 87 06
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/krankheiten/krankheiten-im-ueberblick/syphilis.html