Enterobatteri produttori di carbapenemasi (CPE)

Gli enterobatteri produttori di carbapenemasi (CPE) rientrano tra i batteri sorvegliati perché il loro sviluppo di resistenza agli antibiotici costituisce una minaccia reale o potenziale per la salute pubblica.

I batteri resistenti (patogeni e non) si trovano ovunque. Aumentano dove vengono impiegati antibiotici e può avvenire uno scambio di materiale genetico tra batteri: nell’essere umano, negli animali e nell’ambiente. La trasmissione tra esseri umani avviene prevalentemente come infezione da contatto con le mani (p. es. toccando feci e ferite infette).

I germi resistenti possono giungere all’essere umano anche attraverso il contatto con animali da reddito. Nell’ambiente è possibile la trasmissione a derrate alimentari vegetali come frutta e verdura (p. es. tramite acqua contaminata). Inoltre può accadere che durante la macellazione di animali i batteri resistenti passino nella carne cruda. Una misura di prevenzione fondamentale è un’accurata igiene delle mani nella vita quotidiana e durante la manipolazione di carne cruda.

Resistenze agli antibiotici assoggettate all’obbligo di notifica

Per alcuni batteri selezionati con resistenze agli antibiotici che rappresentano un rischio per la salute pubblica è introdotto un obbligo di notifica per sorvegliare la situazione delle resistenze in Svizzera. Sempre più spesso vengono isolati enterobatteri che presentano una resistenza al gruppo di antibiotici dei carbapenemi. Una tale resistenza può essere ottenuta mediante mutazione del materiale genetico o anche acquisizione di geni di resistenza da altri batteri. Dal 1° gennaio 2016 i CPE sono assoggettati all’obbligo di notifica, e dal 1° gennaio 2019 tutti i campioni o gli isolati risultati positivi sono da inviare per caratterizzazione della resistenza al laboratorio nazionale di riferimento per il riconoscimento precoce di nuove forme di resistenza agli antibiotici (NARA) designato dall'UFSP.

Quadro clinico e trasmissione

In determinate condizioni gli enterobatteri possono trasmettere infezioni come, per esempio, infezioni delle vie urinarie, peritoniti, polmoniti, sepsi o infezioni di ferite e vengono trasmessi per contatto diretto o indiretto (oro-fecale). È possibile una trasmissione nosocomiale.

Riconoscimento precoce e sorveglianza delle resistenze agli antibiotici

A causa della loro spiccata multiresistenza a tutti gli antibiotici β-lattamici (penicilline, cefalosporine, monobattami e carbapenemi) i CPE rappresentano un problema serio per la salute pubblica. In base ai dati disponibili, in Svizzera questi agenti infettivi sono ancora rari, ma a livello mondiale si osserva una loro rapida diffusione. Questa forma di resistenza viene seguita con attenzione in stretta collaborazione con il Centro svizzero per la resistenza agli antibiotici anresis.ch e il laboratorio di riferimento NARA. Con la costituzione del laboratorio di riferimento NARA esiste ora anche la possibilità di genotipizzare sistematicamente i CPE.

Ulteriori informazioni

Strategia contro le resistenze agli antibiotici nell’essere umano

Quando serve, quanto serve – L’efficacia degli antibiotici come medicamenti salvavita va preservata a lungo termine.

Antibiotico-resistenza

Qui potrete trovare informazioni essenziali sugli antibiotici e sulla resistenza agli antibiotici.

Lavarsi le mani

Lavarsi le mani è un’azione chiave dal punto di vista igienico, dato che proprio attraverso le mani si diffonde la maggior parte delle malattie infettive.

Ultima modifica 15.04.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Malattie trasmissibili
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 87 06
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/krankheiten/krankheiten-im-ueberblick/antibiotikaresistente-bakterien.html