Coronavirus: Test

L’esecuzione di test è una misura importante per combattere l’epidemia. Per individuare tutti i contagi possibili sono testate sia le persone sintomatiche che quelle asintomatiche.  

Chi assume i costi dei test?

La Confederazione assume i costi dei test come segue:

Test PCR

La Confederazione assume i costi dei test PCR individuali nei seguenti casi:

  • fate il test perché presentate sintomi;
  • avete ricevuto una segnalazione dall’app SwissCovid;
  • il test vi è stato ordinato da un servizio cantonale o da un medico.

La Confederazione non assume i costi dei test PCR individuali nei seguenti casi:

  • il risultato negativo del test vi serve per un viaggio. In questo caso raccomandiamo di informarvi in anticipo sull’ammontare dei costi.

Test PCR aggregati

La Confederazione assume i costi dei test PCR aggregati nel seguente caso:

  • partecipate a un piano di test (p. es. al lavoro o per un partecipare a un campo).

Test antigenici rapidi

Fino al 30 settembre 2021, la Confederazione assume tutti i costi dei testi rapidi che effettuate in un centro di test, presso il vostro medico, in ospedali o farmacie, per cui potete farli gratuitamente anche se non avete sintomi del coronavirus.

A partire dal 1° ottobre 2021, la Confederazione assume i costi dei test antigenici rapidi se:

  • manifestate sintomi da coronavirus;
  • siete stati a contatto con un caso confermato;
  • non potete farvi vaccinare per motivi medici. In questo caso è richiesto un certificato medico;
  • non avete ancora compiuto 16 anni;
  • visitate una struttura sanitaria e necessitate di un risultato negativo del test. Attenzione: in questo caso vi sarà rilasciato solo un attestato che indica l’esito del test ma non sarà rilasciato un certificato COVID.

Test antigenici autodiagnostici

Fino al 30 settembre 2021, nei seguenti casi potete ritirare gratuitamente in farmacia 5 test autodiagnostici ogni 30 giorni:

  • non siete ancora completamente vaccinati;
  • non siete ancora stati contagiati con il coronavirus.

Potete anche acquistare i test autodiagnostici nelle drogherie e nel commercio al dettaglio. In questo caso i costi sono a vostro carico.

A partire dal 1° ottobre 2021, la Confederazione non assume più i costi per i test antigenici autodiagnostici. Di conseguenza, a partire da quella data i costi sono a vostro carico, indipendentemente che siate vaccinati o guariti. I test autodiagnostici possono essere acquistati, per esempio, nelle farmacie, drogherie o nel commercio al dettaglio.

Attenzione: dal 1° ottobre 2021, le persone a partire dai 16 anni dovranno pagare di tasca propria i test per ottenere certificati di test. Fanno eccezione coloro che si sottopongono a test regolari, fintantoché vengono emessi certificati di test, e le persone che presentando un certificato medico sono in grado di provare che non possono essere vaccinate completamente.

Se ho sintomi, devo fare immediatamente il test?

Se avete sintomi della malattia da coronavirus, fate immediatamente il test. Anche se siete stati completamente vaccinati o se si tratta di sintomi lievi o isolati. Se avete dei sintomi, fate testare preferibilmente a un test PCR.

Fate il test anche se avete il sospetto di essere stati contagiati (p. es. dopo un contatto personale con una persona infetta o dopo aver ricevuto una segnalazione dall’app SwissCovid).

Se non ho sintomi, devo fare il test?

Avete la possibilità di fare il test anche se non avete sintomi della malattia. In questo modo si vuole riconoscere precocemente, per quanto possibile, tutti i contagi da coronavirus e sostenere così la ripresa graduale della vita sociale ed economica.
I test senza sintomi comprendono i seguenti principi:

  • test regolari in aziende e istituzioni;
  • test per esigenze proprie e nel quadro di piani di protezione;
  • test dopo le vacanze.

Test regolari in aziende e istituzioni

Nelle aziende, nelle scuole e in altre istituzioni le persone devono essere testate regolarmente. Scopo di questo principio è di riconoscere precocemente le catene di infezione nei luoghi in cui avvengono molti contatti. Si tratta primariamente di test PCR eseguiti in loco su campioni salivari raccolti (test aggregati). Con questa forma di test i campioni delle persone testate non vengono analizzati singolarmente, ma riuniti in un campione misto. Nella sezione Quali tipi di test ci sono? è spiegato come funzionano questi test.

La Confederazione raccomanda, promuove e finanzia i test regolari. All’interno delle strutture scolastiche e di formazione, i test regolari contribuiscono a una normalizzazione delle lezioni, della quotidianità scolastica e dell’accompagnamento. Nelle strutture sanitarie, i test regolari per collaboratori, pazienti e residenti vengono effettuati per proteggere le persone particolarmente a rischio. Nelle aziende, i test regolari proteggono i collaboratori e l’azienda stessa. Inoltre, fanno aumentare la sicurezza della pianificazione per le aziende: possono essere evitate le assenze per isolamento, ricerche sui focolai e quarantena dovute a infezioni.  

Importante:

  • la rispettiva istituzione che esegue questi test è responsabile dell’attuazione;
  • i test (aggregati e rapidi) che risultano positivi devono essere confermati immediatamente con un test PCR. A tal fine tutte le persone che hanno partecipato ai test devono fare un test PCR individuale. Ciò è importante per constatare quali persone sono infette. Ulteriori informazioni sono disponibili nella sezione Procedura in caso di risultato positivo del test;
  • la partecipazione a questi test è facoltativa.

La raccomandazione a partecipare a test regolari è destinata a tutte le persone, indipendentemente dal fatto che siano completamente vaccinate o guarite. Le persone completamente vaccinate e guarite possono comunque partecipare ai test regolari, i cui costi sono assunti dalla Confederazione.

Test per esigenze proprie e nel quadro di piani di protezione

Anche senza sintomi, avete la possibilità di fare il test gratuitamente per esigenze proprie e nel quadro di piani di protezione. Questo è il caso, per esempio, quando si effettua il test:

  • per proteggere le persone particolarmente a rischio, per esempio quando si vanno a trovare i nonni o qualcuno in ospedale;
  • nel quadro di un piano di protezione.

Il test è raccomandato alle persone completamente vaccinate e alle persone guarite se presentano sintomi e se sono state a contatto con casi positivi.

Test dopo le vacanze

da lunedì 20 settembre 2021 le persone non vaccinate o non guarite dovranno presentare un test negativo all’entrata in Svizzera. Tra il quarto e il settimo giorno dopo l’arrivo dovranno sottoporsi a un secondo test.

Per sapere come procedere dopo aver ricevuto il risultato di un test che avete fatto senza avere sintomi, consultate la sezione Test senza sintomi: come procedere dopo il risultato del test?

Se avete sintomi dovete fare immediatamente il test in ogni caso. Per saperne di più, consultate la sezione Se ho sintomi, devo fare immediatamente il test?

Test senza sintomi: come procedere dopo il risultato del test?

Se non avete sintomi e avete fatto il test con un test rapido, autodiagnostico o un campione misto, si applica quanto segue:

Procedura in caso di risultato positivo del test

Il risultato positivo di test rapidi, test autodiagnostici o campioni misti suscita dapprima soltanto un sospetto di infezione da coronavirus. Pertanto vale quanto segue:

  • eseguite un test PCR per confermare il risultato;
  • rivolgetevi, a tal fine, al vostro medico, a un centro di test, a un ospedale o a una farmacia;
  • restate a casa fino a quando non ricevete il risultato del test;
  • in caso di risultato positivo del test PCR: rispettate le indicazioni della sezione Sono risultato positivo al test: come procedo?;
  • in caso di risultato negativo del test: molto probabilmente non siete stati contagiati dal coronavirus. È tuttavia importante che continuiate a rispettare le regole di igiene e di comportamento.

Procedura in caso di risultato negativo del test

Se il risultato di test rapidi, test autodiagnostici o campioni misti è negativo, molto probabilmente non siete contagiosi al momento del test. Tuttavia, questa istantanea è valida solo per breve tempo. Un risultato negativo del test non esclude un’infezione da coronavirus. Per questo è importante che rispettiate comunque le regole di igiene e di comportamento.

Il promemoria Test senza sintomi - Come procedere dopo aver ricevuto il risultato? (PDF, 283 kB, 14.09.2021) fornisce una panoramica in forma grafica.

Avvertenza: questa strategia di test corrisponde alla raccomandazione dell’UFSP. L’attuazione è responsabilità dei Cantoni e può divergere dalla raccomandazione.

Quali tipi di test ci sono?

L’offerta e la disponibilità di diversi test sono in continua evoluzione. Di seguito trovate una panoramica delle diverse tipologie di test.

Test PCR

Un test PCR positivo indica che siete infetti dal nuovo coronavirus. I test PCR possono essere effettuati mediante tampone faringeo o nasofaringeo o sulla base di un campione di saliva. Alcune strutture possono dunque eseguire il test PCR anche mediante prelievo salivare. Il risultato è di norma disponibile entro 24-48 ore. I tamponi sono effettuati da medici, ospedali e centri di test e i campioni prelevati sono analizzati in laboratori autorizzati.

Test PCR aggregato

Nei test PCR aggregati i campioni salivari di più persone vengono aggregati in un campione misto, che viene poi analizzato dal laboratorio. Se il risultato del campione misto o aggregato è positivo, successivamente devono essere prelevati campioni singoli per individuare la persona infetta. A tale scopo viene effettuato un test PCR individuale.

Test antigenico rapido

I test antigenici rapidi forniscono un risultato nell’arco di 15-20 minuti. Come i test PCR, indicano se si è stati infettati dal nuovo coronavirus. Il test viene effettuato mediante tampone nasofaringeo. Non può avvenire mediante prelievo salivare. Poiché questi test danno un risultato meno affidabile dei test PCR, in determinate situazioni un risultato positivo di un test rapido è confermato da un test PCR.

Test antigenico autodiagnostico

Con questo test potrete effettuare autonomamente il test del coronavirus, prelevando voi stessi il campione mediante tampone nasale e leggendo il risultato che riceverete nell’arco di 15-20 minuti. Per l’esecuzione del test leggete le istruzioni per l’uso che vi sono accluse. I test autodiagnostici permettono di stabilire se siete contagiosi al momento del test.

Attenzione: i test autodiagnostici forniscono un risultato meno attendibile dei test PCR o di quelli antigenici rapidi. È quindi possibile che siate infetti dal coronavirus e che lo trasmettiate malgrado un risultato negativo. Pertanto i test autodiagnostici non sostituiscono le regole di igiene e di comportamento né i piani di protezione esistenti. Ciò significa che il risultato negativo del test non vi dispensa dal tenervi a distanza, portare la mascherina e lavarvi le mani. I test autodiagnostici offrono comunque una protezione supplementare e complementare a queste misure. Possono essere utili prima di un incontro programmato (p. es. prima di una grigliata all’aperto o un allenamento di una squadra sportiva giovanile) e in questo caso devono essere effettuati poco prima dell’incontro.

Vi raccomandiamo di non eseguire un test autodiagnostico e di farvi testare da uno specialista, da un medico, da un farmacista, in ospedale o in un centro di test nei casi seguenti:

  • avete sintomi del coronavirus;
  • siete stati a contatto con una persona risultata positiva al test;
  • vi trovate in quarantena;
  • desiderate incontrare una persona particolarmente a rischio;
  • entrate in Svizzera e necessitate del risultato negativo di un test. Per informazioni consultate la pagina Entrata in Svizzera.

Il seguente video mostra come funziona il test autodiagnostico. Si tratta di un esempio; l’importante è che seguiate sempre le istruzioni per l’uso del rispettivo fabbricante.

Per sapere come procedere dopo aver ricevuto il risultato del test, consultate la sezione Test senza sintomi: come procedere dopo il risultato del test?

Per tutte le tipologie di test summenzionate vale quanto segue: consultate il vostro medico anche se il risultato del test è negativo se:

  • i sintomi peggiorano o compaiono altri sintomi tipici del nuovo coronavirus;
  • i sintomi permangono per più di 2 giorni dopo il test e non migliorano;
  • venite a sapere di essere stati a contatto con una persona positiva al test nei 14 giorni precedenti la comparsa dei sintomi.
     

Test sierologico

I test sierologici rilevano la presenza nel sangue di determinati anticorpi, nel caso specifico quelli sviluppati contro il nuovo coronavirus. La presenza di propri anticorpi indica che la persona è già entrata in contatto con il virus o è stata vaccinata. I test sierologici sono molto utili per gli studi sulla popolazione, per esempio per monitorare lo sviluppo dell’immunità di gregge. In generale, non sono attualmente raccomandati a scopo personale perché forniscono informazioni solo parziali sul grado e sulla durata della protezione da una possibile reinfezione.

Volete sapere quali sono le conseguenze di un risultato positivo dei test summenzionati sulla vostra quarantena, sulla vostra vaccinazione e sul vostro certificato COVID? Seguite le indicazioni fornite nella rubrica Sono risultato positivo al test: come procedo?

Dove posso fare il test?

Potete sottoporvi al test del nuovo coronavirus presso diversi medici, centri di test, ospedali e farmacie.
I Cantoni garantiscono l’accesso ai test. Informazioni sulle loro offerte sono reperibili sui rispettivi siti web.

Domande frequenti (FAQ)

Qui trovate le risposte alle domande frequenti sui test.

Ulteriori informazioni

Isolamento e quarantena

Procedura in caso di sintomi di malattia e dopo un contatto con una persona infetta, informazioni sull’isolamento e sulla quarantena e raccomandazioni per bambini sintomatici

Così ci proteggiamo

Regole di igiene e di comportamento: tenersi a distanza, lavarsi le mani, tossire/starnutire in un fazzoletto/nella piega del gomito, in caso di sintomi restare a casa, raccomandazione sulle mascherine e sul telelavoro

Malattia, sintomi e trattamento

Informazioni sulla malattia COVID-19, sui suoi sintomi e il suo decorso nonché sull’origine del nuovo coronavirus

Ultima modifica 18.09.2021

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Infoline Coronavirus
Tel. +41 58 463 00 00

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/testen.html