Nuovo coronavirus: monitoraggio

A intervalli regolari pubblichiamo rapporti aggiornati sul comportamento di mobilità della popolazione, sul controllo dei piani di protezione e sulla situazione economica. Il monitoraggio intende fornire, oltre ai dati epidemiologici, ulteriori informazioni rilevanti sul decorso della pandemia. 

Mobilità

Una volta al mese, il Centro di notifica e di analisi della situazione della Centrale nazionale d’allarme analizza i dati disponibili sul comportamento di mobilità della popolazione. Le informazioni provengono dalle fonti seguenti: Swisscom, FFS, UFAC.

Reiseaktivität im Tagesvergleich Swisscom
Figura 1: Spostamenti nel confronto giornaliero. Numero medio di chilometri percorsi in Svizzera giornalmente. Legenda: M1 13.03.2020 — Il Consiglio federale inasprisce i provvedimenti (tra cui la chiusura delle scuole), M2 16.03.2020 — Il Consiglio federale dichiara la situazione straordinaria, M3 20.03.2020 — Il Consiglio federale vieta gli assembramenti di più di 5 persone, A — Numero medio di chilometri percorsi giornalmente in un mese tipo (fonte: Swisscom)

Secondo i dati Swisscom, dal luglio 2020 l’evoluzione dei chilometri percorsi giornalmente è perlopiù stabile e a metà ottobre 2020 la mobilità generale della popolazione svizzera corrisponde nuovamente alla consueta media mensile (cfr. figura 1). A metà ottobre 2020, il numero delle persone stanziali è diminuito del 9 per cento rispetto a un mese tipo. Ciò è probabilmente dovuto a un aumento degli spostamenti in concomitanza con le vacanze autunnali. Il numero medio di chilometri percorsi giornalmente è aumentato rispetto a un mese tipo in particolare nei Cantoni AI (+28 %), UR (+25 %), OW (+20 %), TI (+19 %), GR (+17 %), VS (+16 %), AR (+13 %) e NE (+10 %).

Sono menzionati solo i Cantoni che hanno registrato un incremento del numero medio di chilometri percorsi giornalmente superiore al 10 per cento.

Entwicklung der Flugbewegungen in Europa BAZL
Figura 2: Numero di movimenti aerei nei due aeroporti nazionali di Ginevra e Zurigo nel 2020 rispetto all’anno precedente. Legenda: Previsione NM – Previsione dei movimenti del Network Manager (Eurocontrol, che elabora i dati per i due aeroporti svizzeri)

Dall’inizio di giugno 2020 i voli sono ripresi con maggiore frequenza. Nel 2020 il numero medio di movimenti aerei resta tuttavia nettamente inferiore rispetto al 2019 e attualmente corrisponde al 40 per cento circa del valore dell’anno precedente. Stando alle previsioni attuali, anche per il resto del 2020 i movimenti aerei non supereranno il 40 per cento del valore di riferimento.  

Passagieraufkommen über alle Bahnhöfe SBB
Figura 3: Valore medio del traffico passeggeri in tutte le stazioni ferroviarie rispetto all’anno precedente (fonte: FFS)

Il traffico passeggeri sulla rete ferroviaria svizzera resta stabile attorno all’80 per cento del valore dell’anno precedente. Dall’inizio di ottobre 2020 si osserva una leggera flessione rispetto all’anno precedente. Le prossime settimane riveleranno se questa tendenza proseguirà o meno.

Controllo da parte dei Cantoni dell’attuazione dei piani di protezione

Ogni settimana, su incarico dell’UFSP i Cantoni rilevano dati sui controlli dei piani di protezione e della loro attuazione. I Cantoni comunicano i dati di controllo rilevati alla Centrale nazionale d’allarme, che li mette a disposizione dell’UFSP in forma consolidata.

Per le strutture accessibili al pubblico (strutture di ristorazione, locali notturni, strutture alberghiere, impianti indoor del tempo libero, negozi, manifestazioni e altre strutture), i Cantoni rilevano informazioni sull’eventuale presenza di un piano di protezione e sulla sua efficacia, nonché sul rispetto delle regole in materia di distanziamento e di obbligo della mascherina. Viene anche verificato il rilevamento dei dati di contatto (tranne che per i negozi). Il grafico relativo ai controlli e alle mancanze è stato allestito in base ai dati disponibili durante due settimane (per ogni controllo possono esserci più mancanze).

Per la produzione di derrate alimentari (lavorazione di carne, pesce, frutta e verdura, latte e altre aziende) vengono rilevati l’eventuale presenza di un piano di protezione e la sua efficacia, nonché il rispetto delle misure di igiene e di distanziamento e l’applicazione del principio STOP.

I datori di lavoro devono garantire che i dipendenti siano in grado di seguire le raccomandazioni dell’UFSP in materia di igiene e di distanziamento. A tale scopo devono prevedere e adottare apposite misure. Se la distanza raccomandata non può essere rispettata, devono essere adottate misure secondo il principio STOP (sostituzione, misure tecniche, misure organizzative, misure di protezione individuale).

Il grafico sui controlli e sulle mancanze è stato allestito in base ai dati disponibili durante due settimane (per ogni controllo possono esserci più mancanze).

I seguenti grafici illustrano il numero di controlli svolti in Svizzera e il totale delle mancanze dall’inizio del rilevamento dei dati, suddivisi per settimana di calendario (per ogni controllo possono esserci più mancanze).

Controllo dell’attuazione delle raccomandazioni da parte della Suva 

Ai sensi degli articoli 10 e 11 dell'ordinanza sui provvedimenti per combattere l’epidemia di COVID-19 nella situazione particolare (ordinanza COVID-19 situazione particolare), la Suva controlla sul momento l'attuazione delle raccomandazioni concernenti l'igiene e il distanziamento nei cantieri nonché nelle aziende commerciali e industriali secondo le proprie competenze di cui all’articolo 49 capoverso 2 dell’ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI). Inoltre, dal 21 marzo 2020 la Suva gestisce una hotline che risponde a domande sulla protezione dal coronavirus sul posto di lavoro, fornendo consulenza sia ai datori di lavoro sia ai lavoratori.

Fino al 31 agosto 2020 la Suva ha controllato complessivamente 9600 aziende sul posto (7049 aziende nel settore edile nonché 2649 aziende commerciali e industriali). In particolare, il rispetto della regola del distanziamento (1,5 metri) costituisce una sfida per le aziende. La norma d’indossare la mascherina igienica in situazioni lavorative quando non è possibile rispettare la distanza minima non si è ancora consolidata. Molte aziende interpretano ancora in modo approssimativo la disposizione del rapporto esplicativo relativo all’ordinanza COVID-19 sulla situazione particolare che riguarda le cosiddette squadre fisse. C’è una grande necessità d’informazione su come documentare la composizione di queste squadre e sulle conseguenze nel caso in cui uno dei componenti dovesse infettarsi.

Dall’aprile 2020 non ci sono state sospensioni di lavori in corso, mentre prima hanno dovuto essere fermati i lavori in 60 cantieri edili e due aziende industriali.

Situazione economica

Sul sito web Previsioni congiunturali della SECO sono disponibili informazioni sulla situazione economica in Svizzera.

Rapporti pubblicati sul monitoraggio dell'execuzione da giugno ad agosto 2020

Ultima modifica 22.10.2020

Inizio pagina

Contatto

Non rispondiamo per scritto alle richieste di informazioni in relazione alla COVID-19.

Informarsi sulle nostre pagine web, che aggiorniamo regolarmente.

Alla rubrica Contatti e link sono disponibili informazioni di contatto, anche relative ad altri servizi federali e Cantoni.

Tel.
+41 58 463 00 00

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/situation-schweiz-und-international/monitoring.html