Nuovo coronavirus: procedura in caso di sintomi e di possibile contagio

Le persone con sintomi tipici della malattia COVID-19 devono mettersi in isolamento. Le persone che sono state a stretto contatto con una persona ammalatasi di COVID-19 devono mettersi in quarantena. Così è possibile interrompere le catene di infezione.

Isolamento e quarantena

Isolamento e quarantena sono provvedimenti volti a interrompere le catene di infezione e a contenere l’ulteriore diffusione del nuovo coronavirus. Questi provvedimenti riguardano le persone con un’infezione confermata o per le quali vi è un sospetto di infezione, ad esempio a causa di sintomi tipici della malattia o dopo un contatto stretto con una persona nella quale la COVID-19 è stata confermata.

Per la definizione dei termini «contatto stretto», «isolamento» e «quarantena» si rimanda alla pagina delle domande frequenti (FAQ).

Procedura in caso di sintomi di malattia

È importante individuare, per quanto possibile, tutti i contagi da nuovo coronavirus. Per questo raccomandiamo di fare il test anche se i sintomi sono lievi. Se vi sentite malati o presentate alcuni sintomi che potrebbero far pensare al nuovo coronavirus, procedete nel modo sotto descritto. Questa procedura vale anche per i bambini con più di 12 anni. Per maggiori informazioni sulla procedura da seguire per i bambini fino a 12 anni si rimanda alla sezione Bambini sintomatici e possibile contagio.

1. Riduzione dei contatti: restate a casa ed evitate qualsiasi contatto con altre persone.

2. Raccomandazione per il test: fate l’autovalutazione sul coronavirus. Al termine riceverete la nostra raccomandazione. Se doveste sottoporvi al test, sarete istruiti su come procedere. Potete anche telefonare al vostro medico per discutere della procedura.

3. Test: fate il test se l’autovalutazione sul coronavirus o il vostro medico lo raccomandano. Se sono soddisfatti i criteri dell’UFSP per il test, i relativi costi saranno assunti dalla Confederazione.

4. Fino al risultato del test: restate a casa ed evitate qualsiasi contatto con altre persone finché non è disponibile il risultato del test.

Procedura in caso di risultato positivo del test

  • Tracciamento dei contatti: l’autorità cantonale competente vi contatterà. Insieme risalirete alle persone con cui siete stati in contatto. Queste ultime devono mettersi in quarantena in ogni caso.
  • Codice Covid: se utilizzate l’app SwissCovid, potete chiedere alle autorità cantonali un codice Covid con il quale attivare volontariamente la funzione di segnalazione nell’app e informare del contatto in forma anonima gli altri utenti.
  • Fine dell’isolamento: l’autorità cantonale vi informa della fine dell’isolamento. Di norma potete uscire di casa non prima di 48 ore dopo la scomparsa dei sintomi, purché siano trascorsi almeno 10 giorni dalla loro comparsa.

Procedura in caso di risultato negativo del test

Restate a casa. Potete terminare l’isolamento 24 ore dopo la scomparsa dei sintomi, cosa che vi consigliamo di fare anche in presenza di altre malattie delle vie respiratorie o d’influenza.

Se avete nuovamente dei sintomi o siete preoccupati, contattate il vostro medico.

Procedura in caso di contatto con una persona infetta

Se siete entrati in contatto con una persona risultata positiva al test per il nuovo coronavirus, nei giorni successivi potreste essere contagiosi senza accorgervene.

In questa caso vale quanto segue:

Se avete sintomi di malattia: restate a casa e seguite le istruzioni della sezione Procedura in caso di sintomi di malattia.

Soltanto le persone che hanno avuto un contatto stretto con la persona malata devono mettersi in quarantena su disposizione dell’autorità. In questo caso, l’autorità cantonale competente vi contatterà e vi informerà su come procedere.

Istruzioni delle autorità cantonali

Nel quadro del tracciamento dei contatti, alla persona malata viene chiesto con chi ha avuto un contatto stretto. Se la persona vi indica come contatto stretto, l’autorità cantonale vi contatterà, vi informerà su come procedere ed eventualmente vi ordinerà di mettervi in quarantena. Da quel momento le istruzioni sulla quarantena (PDF, 185 kB, 12.09.2020) sono vincolanti.

Se dopo 10 giorni dal contatto non avete ancora sintomi, potete tornare a frequentare i luoghi pubblici dopo aver consultato l’autorità cantonale competente.

Segnalazione da parte dell’app SwissCovid

Se avete ricevuto dall’app SwissCovid la segnalazione di un contatto con una persona infetta, rivolgetevi volontariamente all’Infoline indicata, che accerterà insieme a voi la probabilità di un contagio e vi indicherà come procedere.

Bambini sintomatici e probabilmente contagiati

Sulla base delle conoscenze attuali, anche i bambini possono essere contagiati dal nuovo coronavirus. Rispetto agli adolescenti e agli adulti, tuttavia, i bambini fino a 12 anni presentano sintomi e trasmettono il virus ad altre persone più raramente. Pertanto per i bambini fino a 12 anni vale la procedura indicata di seguito.

Per i bambini con più di 12 anni valgono gli stessi principi previsti per gli adolescenti e gli adulti. Se vostro figlio con più di 12 anni si sente malato, presenta alcuni sintomi o è stato a contatto con una persona infetta, procedete secondo le istruzioni descritte alla sezione Procedura in caso di sintomi di malattia o Procedura in caso di contatto con una persona infetta.

Sintomi e contatto stretto con una persona sintomatica

Se vostro figlio presenta sintomi di un possibile contagio da nuovo coronavirus ed è stato a stretto contatto con una persona sintomatica (bambino con più di 12 anni o adulto), la procedura da seguire dipende dal risultato del test del contatto stretto:

  • In caso di risultato positivo: vostro figlio deve restare a casa e sottoporsi al test in accordo con il pediatra. Quest’ultimo vi istruirà su come procedere.
  • In caso di risultato negativo: vostro figlio può tornare a scuola o nella struttura di custodia se non ha avuto febbre per 24 ore o la tosse è migliorata visibilmente.

Sintomi senza contatto stretto con una persona sintomatica

Se vostro figlio presenta sintomi di un possibile contagio da nuovo coronavirus e non è stato a stretto contatto con una persona sintomatica (bambino con più di 12 anni o adulto), la procedura da seguire dipende dai sintomi e dalla stato di salute del bambino:

  • Vostro figlio presenta lievi sintomi da raffreddamento (raffreddore e/o mal di gola e/o tosse leggera) e il suo stato di salute generale è buono: può continuare a frequentare la scuola o la struttura di custodia.
  • Vostro figlio ha la febbre e il suo stato di salute generale è buono: deve restare a casa e può tornare a scuola o nella struttura di custodia se non ha avuto più febbre per 24 ore. Contattate il pediatra se la febbre di vostro figlio persiste per tre o più giorni.
    Se vostro figlio presenta altri sintomi (disturbi gastrointestinali, mal di testa, dolori articolari e perdita dell’olfatto e/o del gusto), discutete con il pediatra la procedura da seguire.
  • Vostro figlio ha una tosse forte e il suo stato di salute generale è buono: deve restare a casa e può tornare a scuola o nella struttura di custodia se la tosse è migliorata visibilmente nell’arco di tre giorni. Contattate il pediatra se la tosse forte di vostro figlio persiste per più di tre giorni.
    Se vostro figlio presenta altri sintomi (disturbi gastrointestinali, mal di testa, dolori articolari e perdita dell’olfatto e/o del gusto), discutete con il pediatra la procedura da seguire.
  • Vostro figlio ha la febbre o una tosse forte e/o il suo stato di salute generale non è buono: contattate direttamente il pediatra per discutere la procedura da seguire.

La rappresentazione grafica dei casi indicati è disponibile nel documento Procedura per i bambini sintomatici fino a 12 anni.

Procedura dopo il test

Se vostro figlio è sottoposto al test e questo risulta positivo, valgono le istruzioni descritte alla sezione Procedura in caso di risultato positivo del test. In caso di risultato negativo, vostro figlio di meno di 12 anni può tornare subito a scuola. Tuttavia, se aveva la febbre, deve essere sfebbrato da 24 ore prima di poter tornare a scuola. Se aveva una tosse forte, quest’ultima deve essere migliorata visibilmente.

Trasmissione da parte dei bambini

Le linee guida specifiche per i bambini fino a 12 anni sono state definite per permettere loro di frequentare la scuola e le strutture di custodia ogniqualvolta sia possibile. In queste strutture, i bambini si contagiano più di rado con il nuovo coronavirus. Il loro contagio avviene soprattutto in famiglia, seppure più raramente rispetto agli adulti.  

Continuazione del pagamento dello stipendio

Se dovete mettervi in isolamento perché vi siete ammalati di nuovo coronavirus e il medico vi ha rilasciato un certificato medico, avete diritto alla continuazione del pagamento dello stipendio o a un’indennità giornaliera per malattia. La continuazione del pagamento dello stipendio è disciplinata dal Codice delle obbligazioni (CO). Il vostro datore di lavoro è tenuto a pagarvi lo stipendio per almeno tre settimane. Molti datori di lavoro stipulano un’assicurazione di indennità giornaliera per malattia per poter pagare l’80 per cento dello stipendio ai lavoratori in caso di lunghe assenze dovute a malattia. Informatevi presso il vostro datore di lavoro e tramite il vostro contratto di lavoro sulle disposizioni vigenti per voi.

Se dovete mettervi in quarantena su disposizione delle autorità perché siete stati in contatto con una persona risultata positiva al test, avete diritto a un’indennità di perdita di guadagno. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFAS.

Solitudine e preoccupazioni

Per molti il tempo trascorso in isolamento o in quarantena non è facile. Ci si può sentire soli, essere preoccupati o avere paura. In questi casi la famiglia e gli amici sono preziosi. Restate in contatto con loro, per esempio per telefono oppure online, e comunicate loro ciò che vi preoccupa. Se non lo potete fare, chiamate il Telefono amico. Al numero 143 troverete sempre qualcuno che vi ascolta, gratuitamente e a qualsiasi ora. Oppure visitate il sito www.salutepsi.ch. Troverete suggerimenti e offerte anche per il tempo da trascorrere in isolamento o in quarantena.

Ulteriori informazioni

Così ci proteggiamo

Regole di igiene e di comportamento: tenersi a distanza, lavarsi le mani, tossire/starnutire in un fazzoletto/nella piega del gomito, in caso di sintomi restare a casa, raccomandazione sulle mascherine e sul telelavoro

Persone particolarmente a rischio

Gestione di malattie preesistenti pericolose, visite nelle case di cura o per anziani

Provvedimenti e ordinanze

Provvedimenti, allentamenti, condizioni per le aperture, manifestazioni o attività consentite o tuttora vietate, disposizioni penali, rapporto esplicativo

Lingua facile

Regole e divieti della Confederazione, informazioni sul coronavirus, quando dovete restare a casa

Lingua dei segni

Regole e divieti della Confederazione, informazioni sul coronavirus, quando dovete restare a casa

Ultima modifica 25.09.2020

Inizio pagina

Contatto

Non rispondiamo per scritto alle richieste di informazioni in relazione alla COVID-19.

Informarsi sulle nostre pagine web, che aggiorniamo regolarmente.

Alla rubrica Contatti e link sono disponibili informazioni di contatto, anche relative ad altri servizi federali e Cantoni.

Tel.
+41 58 463 00 00

Stampare contatto

Avete sintomi di malattia? Fate qui l'autovalutazione sul coronavirus. Clicca qui.
https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/isolation-und-quarantaene.html