Novità e adeguamenti

Qui è disponibile una panoramica delle novità e degli adeguamenti dei contenuti della pagina web «Informazioni per i professionisti della salute».

Adeguamenti e novità attuali

14.1.2021

Le domande frequenti (FAQ) sulla vaccinazione anti-COVID-19 sono state integrate con le seguenti domande:

  • Come può essere fatturata la consulenza sulla vaccinazione anti-COVID-19 prestata dal medico?
  • Come può essere fatturata la somministrazione effettuata dal medico nel proprio studio?
  • È consentito somministrare una sola dose di vaccino per riuscire a vaccinare un maggior numero di persone?
  • Come è disciplinato il rimborso della somministrazione e della consulenza sulla vaccinazione offerte in farmacia?
  • Qual è la raccomandazione di vaccinazione per i vaccini a mRNA di Pfizer/BioNTech e Moderna?

12.1.2021

Le domande frequenti (FAQ) sulla vaccinazione anti-COVID-19 sono state integrate con le seguenti domande:

  • In che cosa si distinguono i due vaccini di Pfizer/BioNTech e Moderna?
  • In che cosa si distinguono i due vaccini di Pfizer/BioNTech e Moderna per quanto riguarda la logistica?
  • Quando sono attesi e come vengono seguiti eventuali effetti avversi tardivi di una vaccinazione anti-COVID-19?
  • Quali sarebbero i possibili effetti tardivi di una vaccinazione anti-COVID-19?
     

12.1.2021

L’12 gennaio 2021 l’autorità di omologazione e controllo dei medicamenti Swissmedic ha omologato il secondo vaccino anti-COVID-19 per il mercato svizzero. Il vaccino di Moderna, del quale la Confederazione ha ordinato circa 7,5 milioni di dosi, è adatto per gli adulti a partire dai 18 anni. Nei prossimi giorni vi sarà una prima consegna di 200 000 dosi di vaccino alla Farmacia dell’Esercito, che le distribuirà ai Cantoni. Sommandole a quelle del vaccino di Pfizer/BioNTech, omologato da Swissmedic il 19 dicembre 2020, in gennaio la Svizzera avrà a disposizione circa mezzo milione di dosi di vaccino. La prima priorità nella vaccinazione è data alle persone particolarmente a rischio.

Ulteriori informazioni sull'autorizzazione si trovano nel comunicato stampa Omologato in Svizzera un secondo vaccino anti-COVID-19.

6.1.2021

Le domande frequenti (FAQ) sulla vaccinazione anti-COVID-19 sono state integrate con le seguenti domande:

  • A partire da quando potranno procedere alla preregistrazione tutti gli altri adulti (senza fattori di rischio specifici, non a stretto contatto con persone particolarmente a rischio, non facenti parte del personale sanitario)?
  • I frontalieri possono farsi vaccinare? Se sì, dove?
  • Si può decidere con quale vaccino effettuare la vaccinazione?
  • Chi è l'interlocutore diretto dei medici e del personale medico-sanitario per domande sull’organizzazione della vaccinazione?
  • Le persone possono farsi vaccinare esclusivamente nel Cantone di domicilio?
  • A partire da quando le vaccinazioni saranno possibili negli studi medici e nelle farmacie?
  • Come si dà il consenso alla vaccinazione anti-COVID-19?
  • Quante dosi di vaccino possono essere prelevate da un flaconcino di Comirnaty®?
  • Le quantità residue provenienti da fiale diverse possono essere combinate?
  • Quali precauzioni vanno prese nella vaccinazione di persone in terapia anticoagulante?
  • Tutti i disturbi che insorgono poco dopo una vaccinazione sono collegati ad essa?
  • A quali condizioni dopo una vaccinazione anti-COVID-19 si può far valere il diritto a un indennizzo o a una riparazione morale?
  • Quali danni gravi costituiscono il requisito per il diritto a un indennizzo e/o a una riparazione morale?
  • Chi può far valere il diritto a un indennizzo e/o a una riparazione morale?
  • Chi risponde dei danni dovuti alla vaccinazione?
  • Per le persone vaccinate continuano a valere le regole di isolamento se risultano positive al coronavirus?
  • Una persona vaccinata deve mettersi in quarantena se ha avuto un contatto stretto con una persona risultata positiva al test?
  • A chi possono rivolgersi i professionisti della salute in caso di domande sulla vaccinazione anti-COVID-19? 

24.12.2020

I seguenti nuovi documenti sulla vaccinazione Covid-19 sono stati aggiunti alla sezione Documenti:

 

24.12.2020

Nelle FAQ (Frequently Asked Questions), le seguenti nuove domande si trovano nella sezione Vaccinazione Covid-19 - Parte 2:

  • Per quante persone saranno disponibili i vaccini in Svizzera?
  • Come posso annunciare un paziente per la vaccinazione?
  • Quante dosi di vaccino devono essere somministrate a ogni persona e come si svolge la vaccinazione?
  • Quali controindicazioni vi sono per i vaccini anti-COVID-19 e a chi non è raccomandata la vaccinazione attualmente?
  • Quanto dura la protezione offerta dalla vaccinazione?
  • La vaccinazione protegge dalla trasmissione del virus?
  • Che ne è delle regole sulla quarantena se il mio paziente è vaccinato?
  • Possono essere vaccinati anche i bambini e gli adolescenti?
  • Il mio paziente può vaccinarsi anche contro altre malattie parallelamente alla vaccinazione anti-COVID-19?
  • È necessario fare un test COVID-19 prima della vaccinazione?
  • È possibile vaccinare una persona a cui è stata diagnosticata una malattia da COVID-19 negli ultimi tre mesi?
  • Come bisogna procedere con le persone che hanno già avuto un’infezione confermata da coronavirus? È necessario un test anticorpale?
  • Come è documentata la vaccinazione a livello individuale?
  • Com’è disciplinata la rimunerazione del vaccino, della sua somministrazione e della consulenza?
  • Dopo un grave effetto indesiderato della vaccinazione (EIV), il mio paziente vorrebbe presentare una domanda di indennizzo e/o riparazione morale. Dove trovo maggiori informazioni?
  • Come deve essere conservato il vaccino?

24.12.2020

Le istruzioni sulla quarantena (PDF, 362 kB, 23.12.2020) e sull’isolament (PDF, 278 kB, 23.12.2020)o sono state completate con un’avvertenza sulla vaccinazione anti-COVID-19. Secondo lo stato attuale delle conoscenze, le persone vaccinate contro il nuovo coronavirus non sono per il momento esentate dall’obbligo di quarantena qualora vi fossero soggette. La vaccinazione protegge dalla malattia, ma attualmente non è ancora chiaro se impedisce anche che si possano contagiare altre persone.

In futuro la procedura sarà adeguata non appena saranno disponibili più dati sull’argomento.

19.12.2020

Il 19 dicembre 2020 l’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic ha omologato il primo vaccino anti-COVID-19 per il mercato svizzero. Il vaccino di Pfizer/BioNTech è adatto per gli adulti a partire dai 16 anni. Le prime dosi di vaccino saranno fornite alla Svizzera nei prossimi giorni, immagazzinate presso la Farmacia dell’esercito e infine distribuite ai Cantoni. Questi ultimi potranno poi iniziare con la vaccinazione delle persone particolarmente a rischio in alcuni contesti selezionati e seguiti. Dal 4 gennaio 2021, in tutta la Svizzera si partirà con la vaccinazione dei gruppi a rischio e di altri gruppi target priorizzati.

Ulteriori informazioni sull'autorizzazione si trovano nel comunicato stampa di Swissmedic e nel comunicato stampa dell'UFSP.

18.12.2020

Il 18 dicembre 2020, il Consiglio federale ha deciso che i test antigenici rapidi e altri test rapidi possono essere eseguiti anche su persone che non soddisfano i criteri di sospetto, di prelievo di campioni e di dichiarazione dell’UFSP (PDF, 161 kB, 18.12.2020). L’estensione dell’impiego di altri test rapidi permetterà di sgravare l’economia e la società. I test rapidi possono per esempio essere integrati nei piani di protezione di alberghi, fiere, congressi internazionali, concerti, manifestazioni sportive o sul posto di lavoro.

In questa situazione, vale quanto segue:

  • I test eseguiti in questo quadro non sono pagati dalla Confederazione, poiché avvengono al di fuori dei criteri di sospetto, di prelievo di campioni e di dichiarazione dell’UFSP (PDF, 161 kB, 18.12.2020).
  • La partecipazione ai test è in principo volontaria.
  • Tutti i test rapidi devono sempre essere eseguiti da personale specialistico appositamente formato e sotto la responsabilità di studi medici, farmacie, ospedali o centri di test autorizzati dal Cantone.
  • Un risultato positivo di un test rapido deve sempre essere confermato da un test PCR.
  • L’impiego di test rapidi non sostituisce le regole di igiene e di comportamento o i piani di protezione esistenti;
  • un test rapido negativo è un’istantanea, il risultato vale soltanto per il giorno in cui è stato eseguito il test.

Oltre ai test antigenici rapidi, in futuro saranno probabilmente in commercio altre tipologie di test rapidi. La loro affidabilità dovrà essere esaminata prima di un impiego nella prassi. Il 18 dicembre 2020, il Consiglio federale ha precisato la procedura di verifica, allo scopo di garantire una qualità elevata di questi test.

Il capitolo Accertamento diagnostico di laboratorio (test) e dichiarazione clinica è stato adeguato in questo senso. Maggiori informazioni sull’impiego di test rapidi su persone che non soddisfano i criteri di sospetto, di prelievo di campioni e di dichiarazione dell’UFSP sono riportate nel documento COVID-19: Promemoria sull’impiego di test rapidi al di fuori dei criteri di prelievo di campioni dell’UFSP (PDF, 149 kB, 18.12.2020).

18.12.2020

In Svizzera sono in corso i preparativi per consentire l’avvio delle prime vaccinazioni anti-COVID-19 in gennaio, a condizione che Swissmedic, dopo aver esaminato tutti i dati clinici, omologhi il vaccino.

Alle domande frequenti (FAQ) è stata aggiunta la rubrica Informazioni generali sulla strategia e la distribuzione del vaccino, sotto la quale nei prossimi giorni saranno inserite di continuo nuove informazioni sulla vaccinazione anti-COVID-19.

Al momento, vi si trovano le risposte alle domande seguenti:

  • Quale strategia di vaccinazione persegue la Svizzera?
  • Quando presumibilmente Swissmedic rilascerà l’omologazione per un vaccino?
  • Quando presumibilmente saranno disponibili le raccomandazioni ufficiali di vaccinazione della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) e dell’UFSP e quando avranno inizio le vaccinazioni?
  • Quali vaccini anti-COVID-19 esistono e che differenze presentano?
  • Che cosa si sa sull’efficacia dei vaccini anti-COVID-19?
  • Che cosa si sa sugli effetti indesiderati delle vaccinazioni con vaccini anti-COVID-19?
  • I vaccini anti-COVID-19 possono essere combinati tra loro?
  • Dove potranno essere somministrate le vaccinazioni?
  • Come posso notificare un effetto indesiderato della vaccinazione (EIV) di un paziente?
  • Chi può ordinare il vaccino e dove?
  • Com’è gestita la logistica dei vaccini?
  • Com’è regolata la distribuzione del vaccino? Chi decide come avviene la distribuzione?
  • Come si vaccinano le persone che non possono recarsi in un centro di vaccinazione (p. es. persone in case di cura e case per anziani)?

18.12.2020

In collaborazione con la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) e altri esperti, l’UFSP ha sviluppato una strategia di vaccinazione che definisce gli scopi sovraordinati della vaccinazione, i gruppi target e i gruppi che avranno la priorità in caso di quantità di vaccino limitate.

La vaccinazione anti-COVID-19 è prevista in particolare per i seguenti gruppi target di adulti (nel seguente ordine decrescente in caso di disponibilità limitata del vaccino):

  1. persone particolarmente a rischio (escl. le donne incinte);
  2. personale sanitario a contatto con pazienti / personale di assistenza a persone particolarmente a rischio;
  3. contatti stretti (membri della stessa economia domestica) di persone particolarmente a rischio;
  4. persone residenti in strutture collettive con un elevato rischio di infezione e di focolaio (istituti per persone disabili) e il personale che vi lavora;
  5. tutti gli altri adulti che intendono vaccinarsi.

I bambini e gli adolescenti non rientrano ancora tra i gruppi target della strategia di vaccinazione poiché mancano tuttora i dati degli studi per questi gruppi d’età.

Alla voce Documenti è disponibile la « COVID-19 : Strategia di vaccinazione » (testo in tedesco (PDF, 484 kB, 24.12.2020) o francese (PDF, 543 kB, 24.12.2020)).

Le prime vaccinazioni sono previste per l’inizio del 2021.

04.12.2020
Secondo gli studi di validazione più recenti e condotti a titolo indipendente tra gli adulti, un test PCR mediante prelievo salivare è affidabile quanto uno striscio nasofaringeo o faringeo. L’UFSP ha dunque adeguato la sua raccomandazione: una diagnosi di COVID-19 negli adulti è ora possibile anche mediante prelievo salivare; quest’ultimo deve però essere effettuato soltanto in laboratori che hanno validato il metodo. Per quanto concerneTra i bambini le validazioni in questo campo sono ancora in corso e produrranno presto dei risultati.

A tal proposito sono stati adeguati la FAQ Quali test posso effettuare presso il mio studio medico e come devo procedere? e il documento COVID-19: raccomandazioni per la diagnosi (PDF, 223 kB, 11.12.2020) in ambito ambulatoriale.

02.12.2020
Nella situazione attuale è importante trovare il maggior numero possibile di persone infette. L’UFSP intende quindi facilitare l’accesso ai test alle persone che presentano sintomi di COVID-19 meno frequenti o meno specifici. Una nuova campagna, che prenderà il via il 3 dicembre, esorta quindi a fare il test anche in presenza dei seguenti sintomi:

  • mal di testa
  • malessere, debolezza generale
  • dolori muscolari
  • raffreddore
  • sintomi gastrointestinali (nausea, vomito, diarrea, dolori addominali)
  • eruzioni cutanee

Per queso dal 3 dicembre tutte le persone che fanno l’autovalutazione sul coronavirus e presentano uno dei sintomi di cui sopra ricevono la raccomandazione di fare il test, che è gratuito anche per loro.
Anche al di fuori dei centri di test, medici e farmacisti sono esortati a effettuare ampiamente i test su chi presenta questi sintomi.

Adeguamenti e novità precedenti

23.10.2020
Il documento Istruzioni sulla quarantena è stato adeguato e completato con la sezione Quarantena per bambini e genitori, che fornisce istruzioni per le famiglie con bambini che hanno un familiare in quarantena.
 


Ulteriori informazioni

Documenti

Qui i professionisti della salute trovano i documenti più recenti con raccomandazioni e informazioni, come pure i link più importanti.

Domande frequenti (FAQ)

Qui trovate le risposte a domande frequenti dei professionisti della salute.

Ultima modifica 14.01.2021

Inizio pagina

Contatto

Non rispondiamo per scritto alle richieste di informazioni in relazione alla COVID-19.

Informarsi sulle nostre pagine web, che aggiorniamo regolarmente.

Alla rubrica Contatti e link sono disponibili informazioni di contatto, anche relative ad altri servizi federali e Cantoni.

Tel.
+41 58 462 21 00

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/krankheiten/ausbrueche-epidemien-pandemien/aktuelle-ausbrueche-epidemien/novel-cov/information-fuer-die-aerzteschaft/neuigkeiten-und-anpassungen.html