Costruire sano

Costruire sano inizia dalla pianificazione: misure di protezione dal radon, emissioni dei materiali minime e una ventilazione sufficiente sono i presupposti edili più importanti per una buona qualità dell’aria ambiente.

Efficienza energetica ed ecologia dei materiali

Dev’essere migliorata la sostenibilità degli edifici, anche utilizzando in modo più efficiente l’energia, ricorrendo maggiormente a energie rinnovabili, producendo materiali edili più ecologici e incrementandone il riciclaggio.

Pianificare un microclima interno sano

I presupposti per un microclima interno sano sono creati in fase di pianificazione.

Protezione contro il radon

Già al momento di progettare la costruzione e la ristrutturazione di un edificio devono essere previste misure di protezione contro il radon. Ciò vale in particolare per le regioni che presentano un’elevata concentrazione di radon.

Emissioni dei materiali

Una scelta accurata di prodotti, materiali e metodi di costruzione aiuta a limitare al minimo le sostanze chimiche emesse dai materiali impiegati. La scelta è facilitata se ci si riferisce a marchi di certificazione.

Ricambio d’aria e impianti di ventilazione

Negli edifici ben isolati non sempre la ventilazione è sufficiente. Nella progettazione di nuove costruzioni e risanamenti va incluso un piano di ventilazione. Per gli impianti va seguita la direttiva sui requisiti igienici.

Fumo di tabacco e ventilazione

Neanche un frequente e abbondante ricambio d’aria è sufficiente per ripristinare l’aria sana nei locali in cui si fuma. Ma una ventilazione meccanica può evitare che l’aria inquinata dal fumo penetri nei locali attigui.

Rinnovamento: attenzione alle sostanze pericolose

Con un programma di risanamento ben definito si possono evitare brutte sorprese, come lo sviluppo di muffa. Se si sospetta la presenza di sostanze pericolose, come l’amianto, devono essere effettuati immediatamente accertamenti.

Ultima modifica 20.04.2017

Inizio pagina