Sole e radiazione UV

La radiazione ultravioletta (UV) di origine naturale o artificiale non è né visibile né percettibile, ma agisce a contatto con il nostro corpo. Il sole è la più importante sorgente naturale di radiazione UV. È fondamentale per sviluppare la vitamina D, ma a una certa intensità diventa nociva per la pelle e gli occhi.

Radiazione UV del sole

Il 4 per cento della radiazione solare è di origine ultravioletta. Può penetrare nelle cellule degli occhi e della pelle e danneggiarne il patrimonio ereditario senza che se ne percepisca il calore. Generalmente questi danni vengono riparati da un apposito sistema di cui sono dotate le cellule. Tuttavia, esposizioni frequenti, di lunga durata e intense a queste radiazioni possono caricare eccessivamente il «sistema riparatore», con la conseguenza che le modifiche del patrimonio ereditario (mutazioni) non vengano riparate perfettamente, il che può causare il cancro alla pelle e agli occhi.

Tra i danni a breve termine riconducibili a un'esposizione eccessiva alla radiazione UV vi sono i colpi di sole e le congiuntiviti. Su un lungo periodo, esposizioni eccessive alla radiazione UV comportano l’invecchiamento precoce della pelle, un rischio più elevato di cancro alla pelle o di perdita di trasparenza del cristallino (cataratta). Per prevenire gli effetti nocivi della radiazione UV occorre attenersi ad alcune regole comportamentali.

Vitamina D e radiazione solare

La radiazione UV è indispensabile affinché la nostra pelle sintetizzi la vitamina D, essenziale per la salute. In estate è sufficiente esporsi brevemente al sole ogni giorno; non sono necessari lunghi bagni di sole.

Indice UV

UV-Index Tabelle

L’indice UV è una misura per stabilire la radiazione UV emessa dal sole il giorno della misurazione e quello seguente, determinante per le scottature. L’indice UV è alla base dei suggerimenti su come le persone possono proteggersi nel miglior modo possibile dalla radiazione solare. L’indice UV varia nel corso della giornata, raggiungendo i valori massimi tra le ore 11.00 e 15.00.

Conferenza UV 2021

La divisione Radioprotezione dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), in collaborazione con la Lega svizzera contro il cancro e la Società svizzera di dermatologia e venereologia (SSDV), intende organizzare per la seconda volta un convegno UV che si terrà il 31 agosto 2021. Il convegno sarà incentrato sullʼimportanza della protezione dal sole per bambini e adolescenti. I partner di diversi ambiti tematici presenti alla manifestazione illustreranno gli aspetti fondamentali e discuteranno sugli approcci di soluzione. Perché bambini e adolescenti imparino a comportarsi correttamente nei confronti delle radiazioni solari, è importante saper trasmettere loro le relative conoscenze. Inoltre devʼessere messa a disposizione lʼinfrastruttura adeguata (vele parasole, alberi ecc.), affinché i ragazzi possano sostare in posti ombreggiati. Il convegno deve anche promuovere lo scambio tra gli specialisti, che permetta loro di contribuire in modi diversi a sensibilizzare la popolazione sugli effetti delle radiazioni solari. Saranno invitati attori e decisori dei settori della sanità, dellʼetà evolutiva, della pianificazione urbanistica, dellʼambiente, della politica e della scienza.

Il formulario per lʼiscrizione al convegno nonché altre informazioni relative al programma si trovano sul seguente sito:

Progetto «nudging» (spingere con gentilezza) per migliorare il comportamento di protezione contro le radiazioni UV

Nel 2020 la Fondazione Dialogo Rischio ha indagato sulle possibilità di utilizzare i nudge per migliorare il comportamento di protezione contro le radiazioni UV nella popolazione svizzera, su mandato dellʼUfficio federale della sanità pubblica (UFSP), dellʼUfficio dei rifiuti, delle acque, dellʼenergia e dellʼaria del Cantone di Zurigo (AWEL), nonché dellʼUfficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV). Scopo del progetto era di sviluppare nudge concreti per promuovere la protezione dal sole della popolazione svizzera.

Fino ad allora le autorità sanitarie e la Lega svizzera contro il cancro avevano cercato di migliorare la sensibilizzazione della popolazione sui pericoli delle radiazioni UV mediante approcci basati sulla prevenzione comportamentale. Per migliorare ulteriormente questo tipo di comportamento sono richiesti nuovi approcci, come ad esempio il nudging. Si tratta di predisporre in modo mirato lʼambiente fisico, sociale e psichico, nelle situazioni decisionali o nei contesti comportamentali, in modo da favorire un comportamento senza mettere le persone di fronte a una decisione consapevole o senza costringerli in tal senso. Un nudge serve sempre al bene della persona cui viene data questa spinta gentile. Trovate una spiegazione teorica e metodologica completa, nonché tutti i risultati nel rapporto sulle possibilità di impiegare il nudging per migliorare il comportamento di protezione UV nel tempo libero (Bericht «Untersuchung der Möglichkeiten des Einsatzes von Nudging zur Verbesserung des UV-Schutzverhaltens in der Freizeit», non disponibile in italiano).    

Comunicati

Per visualizzare i comunicati stampa è necessaria Java Script. Se non si desidera o può attivare Java Script può utilizzare il link sottostante con possibilità di andare alla pagina del portale informativo dell’amministrazione federale e là per leggere i messaggi.

Portale informativo dell’amministrazione federale

Ultima modifica 01.03.2021

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione radioprotezione
Sezione radiazioni non ionizzanti e dosimetria
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 462 96 14
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/gesund-leben/umwelt-und-gesundheit/strahlung-radioaktivitaet-schall/elektromagnetische-felder-emf-uv-laser-licht/sonne_uv-strahlung.html