Nanomateriali nella vita quotidiana

I nanomateriali di sintesi, i nanorivestimenti e le nanostrutture conferiscono ai prodotti caratteristiche particolari. Oggigiorno sono disponibili sul mercato numerosi «nanoprodotti» con diverse applicazioni.  

Nanomateriali nella vita quotidiana

La nanotecnologia e le particolari caratteristiche dei nanomateriali consentono di sviluppare nuovi prodotti, che possono essere impiegati in molti settori. Grazie ai nanomateriali, le superfici sono più resistenti ai graffi, impermeabili all’acqua e allo sporco o antibatteriche e le plastiche sono più leggere e robuste. Le strutture e i rivestimenti delle superfici diventano idrorepellenti e permettono la conduzione di elettricità.

Molti alimenti contengono nanomateriali naturali (ad es. caseina nel latte). Tuttavia attualmente sul mercato svizzero si trovano solo pochi alimenti o additivi contenenti nanomateriali (nanoscalari), tra i quali il diossido di silicio (antiagglomeranti), i carotenoidi (coloranti, sostanza utile sotto il profilo nutrizionale) e le micelle (capsule per vitamine, aromi, coenzima Q10, ecc.). Non si tratta di nanomateriali nuovi, bensì di prodotti che vengono fabbricati da molti anni e possono essere utilizzati in tutta sicurezza.

In alcuni prodotti con un elevato fattore di protezione solare è presente come filtro UV uno strato nanometrico di biossido di titanio, uno dei nanomateriali maggiormente analizzati che, in base a diversi studi, non è in grado di penetrare attraverso la pelle sana.

Attualmente sul mercato sono disponibili pellicole protettive e bottiglie in PET che, grazie alla nanotecnologia, costituiscono una barriera impenetrabile per gas e sostanze aromatiche. A tal fine vengono utilizzate nanoparticelle di argilla o di diossido di silicio.

Oggigiorno il prefisso «nano» non viene utilizzato in modo uniforme:

  • i nanomateriali possono essere presenti nei prodotti in forma libera, agglomerata (legami deboli) o aggregata (legami forti);
  • i prodotti recanti il prefisso «nano» possono essere originariamente privi di nanomateriali e formare un rivestimento di spessore nanometrico solo al momento dell’uso;
  • i nanomateriali possono essere incorporati in un oggetto solido (ad es. plastica) o aderire alla sua superficie;
  • gli oggetti possono anche possedere strutture superficiali in scala nanometrica.

Nanomateriali naturali e sintetici

I nanomateriali naturali si formano durante i processi erosivi, le eruzioni vulcaniche e gli incendi boschivi. Attraverso i processi di combustione vengono liberate nell’ambiente particelle ultrafini. La silice amorfa, la fuliggine e la cenere rientrano tra i principali nanomateriali naturali.

I nanomateriali sintetici vengono fabbricati appositamente oppure sono un sottoprodotto dei processi di produzione. Tra i principali nanomateriali di sintesi in termini quantitativi rientrano il nero di carbonio (fuliggine fabbricata a livello industriale), il diossido di silicio, il carbonato di calcio e il biossido di titanio.

Banche dati, elenchi di prodotti, e studi di mercato

Banche dati, elenchi di prodotti, e studi diversi individuano i prodotti in cui vengono impiegati i nanomateriali. Le banche dati forniscono inoltre informazioni sulla tossicità di questi ultimi. Per ulteriori approfondimenti consultare la voce «Link».

Ultima modifica 09.08.2018

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione prodotti chimici
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 462 96 40
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/gesund-leben/umwelt-und-gesundheit/chemikalien/nanotechnologie/nano-im-alltag.html