Protezione dei giovani in caso di consumo di sostanze che generano dipendenza

Per una protezione efficace dei giovani sono necessarie condizioni quadro giuridiche, quali divieti di fornitura e pubblicità. Inoltre occorrono anche incentivi per rinunciare alle sostanze che generano dipendenza.

I bambini e gli adolescenti hanno il diritto di essere tutelati dai rischi del consumo di sostanze che generano dipendenza. Fanno le loro prime esperienze e vivono una fase di sviluppo importante sia fisicamente che psicologicamente. Durante la crescita l’organismo e il cervello sono particolarmente soggetti ai danni provocati dal consumo di tali sostanze. Inoltre bambini e adolescenti sono psicologicamente meno stabili degli adulti: prima inizia il consumo di queste sostanze e maggiori saranno le probabilità di diventarne dipendenti. Pertanto, per quanto possibile, le sostanze che generano dipendenza non dovrebbero essere accessibili ai giovani. D’altra parte i giovani che le consumano vanno aiutati senza essere criminalizzati.

Legislazione a protezione dei giovani

La protezione legale dei giovani deve innanzitutto impedire l’accesso di bambini e adolescenti a sostanze che generano dipendenza. In tal senso centrale è il divieto di fornire queste sostanze a minorenni. Per le sostanze legali, come l'alcol e il tabacco, è stato fissato un limite d’età. Altre misure legali efficaci sono quelle di natura economica, quali l’introduzione di una tassa o di prezzi minimi per determinati prodotti, oppure limitazioni dell’accesso, come il divieto di vendita in determinate fasce orarie o in determinati luoghi, e restrizioni pubblicitarie. La protezione legale dei giovani è assicurata mediante mezzi di polizia e giuridici.

infografik-sucht-jugendschutz-fr

Promozione della salute e prevenzione

Le misure di promozione della salute e di prevenzione sono rivolte a tutti i bambini e adolescenti. Grazie alle misure di promozione della salute adottate in passato, ai bambini sono state fornite competenza di vita e di salute come supporto per affrontare lo stress e la pressione del gruppo.

In tal modo apprendono a porsi dei limiti e a saper dire «no», ad esempio all’alcol, al tabacco e alle droghe. Condizioni di vita ben strutturate, come un ambiente che favorisca l’attività fisica, promuovono inoltre lo sviluppo di uno stile di vita sano.

Riconoscimento e intervento precoci

Quando i giovani sono a rischio o consumano già sostanze che generano dipendenza in modo rischioso, vale la regola: osservare e agire. Le persone di riferimento, quali genitori, insegnanti o allenatori sportivi, possono riconoscere condizioni quadro sfavorevoli e, se necessario, modificarle con l’aiuto di professionisti e in tal modo possono fornire un sostegno ai giovani a rischio.

Aiuto in caso di dipendenza

Se il consumo di sostanze che generano dipendenza comporta per i giovani problemi a livello sociale, scolastico o professionale, è necessario che siano aiutati da professionisti. In generale ricevono una consulenza ambulatoriale ad esempio in consultori per giovani, famiglie o in materia di dipendenza.

Ulteriori informazioni

Rilevamento ed intervento precoce con i giovani

Problemi comportamentali e crisi sono fenomeni normali dell’adolescenza. Rilevamento ed intervento precoci hanno come obiettivo di riconoscere per tempo se lo sviluppo psicosociale di un giovane è messo a repentaglio.

Prima infanzia

I primi anni di vita hanno un impatto importante sullo stato di salute in età adulta. Già nell’utero materno, possono svilupparsi fattori che impediscono o favoriscono l’insorgenza di malattie non trasmissibili in un’età più avanzata.

Ultima modifica 28.02.2020

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Prevenzione delle malattie non trasmissibili
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 88 24
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/gesund-leben/sucht-und-gesundheit/regulierungen-suchtbereich/jugendschutz.html