Invecchiare in salute: star bene nonostante le limitazioni

L’Organizzazione mondiale della sanità OMS ha definito il concetto di invecchiamento sano e valuta la salute degli anziani secondo un nuovo criterio. Cosa significa questo per la politica sanitaria?

Con l’avanzare dell’età aumentano le malattie fisiche e psichiche. Per gli anziani l’obiettivo non è godere di perfetta salute, ma sfruttare al meglio le risorse disponibili. Cosa si può ottenere e in che modo? Una corretta gestione delle limitazioni fisiche e psichiche accresce il benessere della persona interessata. Questa è l’idea sottesa al concetto di invecchiamento sano dell’OMS.  

Sfruttare le risorse disponibili significa per gli anziani saper affrontare con successo sfide sociali, fisiche ed emozionali, nonostante la presenza di malattie croniche. Con piccoli accorgimenti, gli anziani possono condurre una vita più soddisfacente. Pertanto le risorse disponibili devono essere costantemente sviluppate o mantenute per contribuire al proprio benessere. Un ulteriore contributo in tal senso è fornito dalla competenza di sapersi autogestire rispetto alle limitazioni e alle dipendenze.

Adeguare l'immagine della vecchiaia

L'immagine della vecchiaia è una sua rappresentazione individuale e sociale e riguarda il processo di invecchiamento. Molte delle immagini ricorrenti si basano su stereotipi e derivano da assunti negativi. Partono dal presupposto che l’invecchiamento implichi necessariamente la diminuzione delle capacità di rendimento fisico e psichico nonché la perdita dell’autosufficienza.

Questi stereotipi non tengono conto però dell’elevata eterogeneità del gruppo degli anziani, che spazia da persone ancora attive professionalmente ad altre bisognose di cure e sostegno. Ciò implica in generale un approccio differenziato nel campo dell’assistenza sanitaria e della promozione della salute.

In tutti gli ambiti sociali un esame critico delle immagini della vecchiaia è un compito importante per affrontare il cambiamento demografico. Le persone anziane non possono essere considerate come un semplice fattore di costo, ma forniscono in vari modi un valido contributo alla nostra società. Pertanto è importante valorizzarne le forze e promuoverne le risorse, creando anche opportunità per un impegno nell'ambito del volontariato.

Per un approccio autogestito dell’invecchiamento è importante riconoscere che in ogni fase della vita è possibile realizzare progressi ed evolversi. Anche le autorità possono dare il loro contributo, sviluppando e attuando programmi differenziati per la vecchiaia. Considerare l’immagine della vecchiaia in tutta la sua poliedricità significa riconoscerne anche le peculiarità culturali.

Politica sanitaria globale

Per consentire un invecchiamento in salute, la politica sanitaria deve fornire una risposta globale. Le sue misure devono includere i fattori individuali e sociali che determinano il processo d’invecchiamento. In tal senso è necessaria un’assistenza sanitaria di qualità e una promozione della salute efficace, un ambiente sociale che assicuri sostegno, una situazione di vita e abitativa adeguata e un’immagine della vecchiaia che riconosca le risorse delle persone anziane.

Ultima modifica 18.07.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Prevenzione delle malattie non trasmissibili
Schwarzenburgstrasse 157
3003 Berna
Svizzera
Tel. +41 58 463 88 24
E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/gesund-leben/gesundheitsfoerderung-und-praevention/gesundheitsfoerderung-praevention-im-alter/gesund-altern.html