Paludismo (malaria)

Malaria

Il paludismo è una malattia tropicale potenzialmente letale trasmessa dalle zanzare. E’ essenziale informarsi prima di qualsiasi viaggio in una zona a rischio per conoscere le misure da prendere per ridurre il rischio di infezione.

Agente patogeno e trasmissione

Il paludismo è la malattia tropicale più frequente. È causata da un parassita del genere Plasmodium (P.) presente nelle regioni tropicali e subtropicali (zone endemiche). Le specie di Plasmodium capaci di infettare l'essere umano sono cinque: P. falciparum, P. vivax, P. ovale, P. malariae e, scoperto recentemente, P. knowlesi. Il parassita è trasmesso all'essere umano da zanzare della famiglia degli anofeli, che pungono la sera o durante la notte.

Quadro clinico

Il paludismo si manifesta con febbre (superiore a 38 °C), brividi, cefalee, dolori muscolari e a volte vomito e diarrea. Tra la puntura infetta della zanzara e la comparsa dei sintomi trascorrono almeno 6 giorni (fino a diversi anni). I parassiti si riproducono dapprima nel fegato e in seguito nei globuli rossi, causandone la distruzione. Le infezioni da Plasmodium falciparum sono responsabili del tipo di paludismo più pericoloso, che può evolversi rapidamente in una forma grave. Quella più temuta, che colpisce il cervello, può provocare convulsioni, coma e morte. Le donne incinte e i bambini piccoli sono particolarmente a rischio di complicazioni.

Qualsiasi tipo di febbre, durante o dopo un viaggio in una zona endemica, deve destare il sospetto di paludismo. Trattandosi di un'urgenza medica, occorre consultare un medico il più presto possibile. Una diagnosi precoce e un trattamento medico adeguato possono salvare la vita.

Diffusione e frequenza

Il paludismo è una delle più importanti malattie per la sanità pubblica. In effetti, quasi la metà della popolazione mondiale è a rischio d'infezione. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che più di 210 milioni di persone ne sono colpite e che ogni anno i decessi causati dal paludismo sono circa 435 000. L'Africa, in particolare la parte subsahariana, è la regione di gran lunga più colpita, con più del 90 per cento dei casi. Il resto delle infezioni è rilevato in Asia, America centrale e meridionale, nonché in alcune isole del Pacifico.

Prevenzione

Da 4 a 6 settimane prima della partenza per una zona a rischio, si raccomanda di informarsi presso il proprio medico. Non essendo disponibile alcun vaccino contro il paludismo, è consigliabile adottare misure preventive per evitare le punture di zanzara (indossare abiti coprenti di colore chiaro e calze, utilizzare repellenti e zanzariere impregnate) e, a seconda della destinazione, ricorrere a speciali medicamenti (profilassi medicamentosa) o portare con sé l’occorrente per una cura d'urgenza adeguata.

Per maggiori informazioni sulla malattia e sui mezzi per proteggersi, rivolgersi a un medico o a uno specialista in medicina di viaggio.

Cifre sul paludismo

Dettaglio dei dati sul paludismo

Evoluzione del numero di casi settimanali secondo il sistema di dichiarazione obbligatoria stabilito su dichiarazioni dei medici.

Numero di casi settimanali

Base: sistema di dichiarazione obbligatoria

Ulteriori informazioni

Medicina dei viaggi

Le consulenze mediche in previsione di un viaggio all'estero sono prestazioni molto richieste. I documenti e link indicati sotto vi forniranno informazioni aggiornate e vi permetteranno di orientare le persone in partenza.

Ultima modifica 07.05.2018

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale della sanità pubblica UFSP
Divisione Malattie trasmissibili
CH - 3003 Berna

Tel.
+41 58 463 87 06

E-mail

Stampare contatto

https://www.bag.admin.ch/content/bag/it/home/themen/mensch-gesundheit/uebertragbare-krankheiten/infektionskrankheiten-a-z/malaria.html